Questo sito contribuisce alla audience di

Storie "tessute" di dame e cavalieri. Due arazzi del Museo Poldi

Milano MUSEO POLDI PEZZOLI Via Alessandro Manzoni 12 (20121) +39 02794889 (info), +39 0245473811 (fax)

Gaula, dopo un lungo e accurato lavoro di restauro.

Le due opere, firmate François Spiering, uno tra i più abili e celebri arazzieri dell’Europa della fine del XVI secolo, sono oggetto della mostra-dossier STORIE TESSUTE DI DAME E CAVALIERI. Due arazzi del Museo Poldi Pezzoli, che si tiene nelle sale di via Manzoni 12 dal 16 febbraio al 26 giugno 2005. Accompagnerà l’esposizione un “Quaderno di studi e restauri”, edito da Silvia Editrice, che presenta i risultati delle indagini storico artistiche e iconografiche condotte intorno a questi due panni da Annalisa Zanni, Nello Forti Grazzini e Grazietta Butazzi e le metodologie applicate nel corso del restauro da Francesco Pertegato del Centro Restauro Manufatti Tessili.

La vernice dell’esposizione è prevista martedì 15 febbraio alle ore 18.30, con la partecipazione degli autori del catalogo e di Andrea Canova, esperto di letteratura italiana antica, che parlerà delle Storie di Amadigi tra letteratura e arte.

Con il ritorno di questi due panni, tutta la collezione degli arazzi è stata restaurata e potrà essere esposta a rotazione nelle sale storiche del Museo.

Realizzate a Delft, nei Paesi Bassi, nel 1602, le due opere oggetto della piccola mostra si ispirano al poema cavalleresco delle Storie di Amadigi di Gaula, racconto di armi, eroismo e amore, nato come appendice delle leggende arturiane e diffuso in Europa nel XVI secolo.

Nel primo dei due manufatti Amadigi si scontra con i cavalieri che hanno rapito l’amata Oriana; poi, al centro della scena, si inginocchia e bacia la mano della principessa ormai salva.
Amadigi si congeda da Oriana è il titolo del secondo arazzo. Qui l’eroe, ospitato da re Lisuarte e ingiustamente accusato, si prepara a partire con i suoi cavalieri. E incontrandosi segretamente con Oriana, si congeda da lei nel modo formale e rispettoso nelle forme dell’amor cortese.

I due arazzi, presenti nella collezione di Gian Giacomo Poldi Pezzoli già nel 1879, offrono una rappresentazione dettagliatissima delle vesti, dei copricapi, delle armature dei personaggi: un approccio miniaturistico che sembra richiamare più la tradizione del ricamo che quella dell’arazzo.

L’abbigliamento dei personaggi presenta elementi e dettagli che richiamano la costumistica teatrale della fine del XVI secolo e della fine del XVII. Per esempio i lunghi veli che scendono dalle acconciature delle dame, l’assenza dei collari inamidati, qui sostituiti da colletti piatti a piccoli smerli, le armature dei cavalieri, che rimandano alle tenute da parata, da torneo e da giostra.

I due arazzi, prima del restauro, presentavano un avanzato decadimento molecolare della seta ed erano minacciati da un abbattimento cromatico generale, soprattutto dei filati di lana. L’intervento ha cercato di recuperare una buona definizione delle immagini e ha restituito risalto alla rappresentazione delle figure. Inoltre, ha permesso il recupero delle raffinatissime decorazioni dei tessuti, degli ornamenti degli abiti, dei motivi araldici, delle armature.

info@museopoldipezzoli.org

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati