Questo sito contribuisce alla audience di

La Canzone di Testaccio

Testo e video del primo inno della AS Roma

Il Campo di Testaccio Questo è il testo della Canzone che i tifosi giallorossi intonavano negli anni ‘30:

La Canzone de Testaccio

“Cor core acceso da na passione / undici atleti Roma chiamò / e sott’ar sole der Cuppolone / ‘na bella maja a du’ colori je portò. / Li du’ colori de Roma nostra / oggi signora der futtebbal, / non più maestri né professori / mo’ sò dolori perché “Roma” ce sa fà. / Co’ Masetti ch’è primo portiere; / De Micheli scrucchia ch’è ‘n piacere; / poi c’è quer torello de Bodini; / cor gran Furvio Bernardini, / che dà scòla all’argentini. / Poi c’è stà Ferraris er mediano, / granne nazionale e capitano; / Chini, Fasanelli e Costantino, / cò Lombardi e cò D’Aquino; / Vorche è ‘n mago pe’ segnà! / Campo Testaccio ciai tanta gloria, / nessuna squadra ce passerà. / Ogni partita è ‘na vittoria, / ogni romano è n’bon tifoso e sà strillà. / Petti d’acciaio, astuzia e core / corpi de testa da fa ‘ncantà. / Passaggi ar volo co’ precisione / e via er pallone che la rete và a trovà. / Quanno che ‘ncomincia la partita / ogni tifosetta se fà ardita, / strilla Forza Roma a tutto spiano / co’ la bandieretta ‘n mano, / perchè cià er core romano. / L’ala centra e Vorche ( Volk) tira e segna, / questo è er gioco e “Roma” ve lo ‘nsegna! / Cari professori appatentati sete belli e liquidati /perché Roma ce sa fà. / Semo giallorossi e lo sapranno / tutti l’avversari de st’artranno. / Fin che Sacerdoti ce stà accanto / porteremo sempre er vanto / Roma nostra brillerà.” //

Foto: www2.raisport.rai.it

Ultimi interventi

Vedi tutti