Questo sito contribuisce alla audience di

Non invecchiare? Ecco la Maca

Riscoperta in Sudamerica una pianta la cui radice ha un potente effetto antinvecchiamento e in grado di potenziare la massa muscolare. L'assenza di sostanze nocive la rendono unica nel suo genere

Maca è l’abbreviazione di Lepidium Meyenii, una pianta con una storia molto antica e interessante. Usata da secoli dalle popolazioni Inca, può essere considerata il “ginseng peruviano”. Il Maca cresce in Perù tra le alture selvagge ed inospitali delle Ande dove vive spontaneamente in balia dell’escursione termica: sembra che si serva di un particolare meccanismo di autoprotezione che ha sviluppato in molte migliaia di anni. Le popolazioni locali la utilizzano da circa 5000 anni sia come fonte nutritiva (può essere tra l’altro cucinata in molti modi, come d’altronde la patata alla cui stessa famiglia appartiene) che per le sue proprietà medicinali. Sulla Maca e sui benefici che essa apporta esiste una vasta letteratura; ciononostante fino a qualche anno fa, pur avendo già conosciuto una diffusione in Spagna all’epoca dei conquistadores, essa veniva utilizzata solo nelle Ande peruviane e quindi reperibile solo sui mercati locali.

Coltivata da tempi antichi, la maca, ha svolto un ruolo fondamentale nella dieta delle popolazioni peruviane tanto che veniva considerata dalla tradizione popolare un “dono degli dei”. Dopo la conquista spagnola fu introdotta con successo anche in Europa dove venne apprezzata per l’effetto positivo sulla fertilità e le proprietà afrodisiache. Uscì finalmente dall’oblio a seguito della pubblicazione di un libro che documentava il lavoro svolto da alcuni ricercatori negli anni ‘70 e ‘80 sulle cosiddette “piante perdute delle Ande”. La pubblicazione ebbe il merito di far conoscere diffusamente l’esistenza della pianta e delle sue straordinarie qualità.

continua

Link correlati