Questo sito contribuisce alla audience di

Lidia Fassio

parte seconda

In
Sagittario c’è una sorta di concepimento e di fertilizzazione che prende il
via 
; ma tutto rimane 
in qualche modo ancora sotto, nonostante ci sia un grande fermento,no
c’è nulla di concreto: ci sono grandi premesse, aspirazioni che dovranno
prendere forma.

Arriviamo
così ai 
tre segni invernali che si caratterizzano proprio con questo bisogno che
tutto rimanga sotto 
terra;unico luogo che sa mantenere il calore che ha incamerato durante
l’estate. All’esterno fa molto freddo (c’è la neve) ma 
sotto la vita sta 
prendendo 
forma e si prepara pian piano alla futura nascita. Capricorno, Acquario e
Pesci rappresentano l’ultima fase del 
ciclo che si ripresenterà rinnovato 
in Ariete dove c’è la forza irruente, la capacità 
della primavera di fare sbucare fuori all’esterno i germogli : Ora,
quello che per un lungo tempo era rimasto sotto, invisibile, in gestazione,
diventa visibile. Il germoglio vede la luce del sole.

Queste
4 porzioni di tempo e di zodiaco si riferiscono in qualche modo alla natura; se
li rapportiamo invece al discorso personale, alla personalità, noi abbiamo
l’Ariete che rappresenta la nascita della persona; quindi simbolicamente il
punto zero dell’Ariete è il momento in cui la persona viene alla luce (ho
detto simbolicamente perché non tutti sono Ariete); ognuno di noi 
nasce sotto un determinato segno e il momento della nascita sarà
rappresentato dall’ascendente che è il punto in cui ha origine la prima casa
– cosignificante dell’Ariete - ; quindi qui in questo caso la nascita è 
simbolicamente il 
momento in cui inizia la nostra vita individuale 
; nel nostro tema personale questo punto che rappresenta la nascita sarà
dato dall’ascendente. L’ascendente, simbolicamente, è il momento in cui il
bambino si divide fisicamente 
dalla madre; 
quindi il bambino viene alla luce ( c’è di nuovo 
qualcosa che viene alla luce, anche se non è il seme che viene su in
primavera), e si manifesta al mondo. E’ il momento in cui viene tagliato il
cordone ombelicale e inizia una vita autonoma. Il punto dell’ascendente è
sempre qualcosa di estremamente personale e che ci darà una serie di
informazioni rispetto a come noi siamo venuti alla luce, a come poi siamo
apparsi sulla questa scena; 
esattamente 
come il seme che appare (con una sua forza, una sua prerogativa, una sua
capacità di affrontare questo mondo). 
Nel momento in cui 
nasciamo con quel tipo di ascendente, abbiamo una serie di possibilità e
di potenzialità. Ho detto che l’ascendente, o meglio le qualità
dell’ascendente sono un 
po’ la valigia che ci viene data in dotazione nel momento in cui
nasciamo: questo significa che noi abbiamo un Sole, quindi quello che noi
definiamo il Sole, quello che tutti conoscono come segno, è dato dalla
posizione del Sole al momento della nascita; 
se nasco in inverno avrò il sole o in Capricorno o in Acquario o in
Pesci; il che significa che avrò determinate caratteristiche; già intanto per
essere nato in inverno; significa per esempio che sicuramente non avrò
l’energia di un Leone perché in inverno il sole non 
dura 12 ore e il sole è molto meno potente che non quando è in piena
estate; 
quindi questo significa che io avrò altro in dotazione anche; non potrò
mai avere l’esuberanza, questa sicurezza apparente che ha il Leone, perché mi
manca questa parte. Cosa caratterizzerà un segno invernale? La resistenza, la
durezza, la capacità di sopravvivere alle cose difficili, la perseveranza, la
costanza; queste sono le qualità che troverete soprattutto nei due grandi segni
invernali che sono il Capricorno e l’Acquario che si caratterizzano per avere
i due pianeti più duri dello zodiaco in assoluto (il Capricorno ne ha
addirittura tre: Saturno, Urano e Marte che sono in assoluto una forza
potentissima); il che vuol dire che, in qualche modo, il Capricorno dà proprio
inizio all’inverno, perché i segni che stanno nel punto in cui inizia la
stagione e che si chiameranno segni cardinali proprio perché danno il via al 
cardine stagionale, sono anche quelli che riassumono dentro di sé il
massimo dalle caratteristiche di quella determinata stagione; quindi riferendoci
alle quattro stagioni, diciamo che l’Ariete è quello che ha il massimo delle
caratteristiche primaverili.