Questo sito contribuisce alla audience di

Miti, Eroi e Astrologia - BILANCIA

di Riccardo Garbarino

Bilancia
è segno cardinale, maschile, domicilio di Venere. Si distingue per l’eleganza
dei movimenti, è piuttosto ricettivo che espansivo, così pure la sua volontà
pare mancare di costanza: di conseguenza si adatta alle circostanze che trova,
anzichè modificarle secondo la propria natura. La tradizione astrologica
attribuisce questo fenomeno della diminuita vitalità al fatto che nel
segno della Bilancia il Sole si trova in “caduta”. La sua
capacità di adattamento non è una facoltà d’intelligenza: non si identifica
con un ambiente perchè ritiene opportuno farlo, ma si tratta di una reazione
istintiva, di rinuncia alla propria individualità. Il carattere istintivo di
questo atteggiamento si rivela non appena in un ambiente non trova il minimo
punto d’appoggio di cui generalmente si accontenta. La capacità
d’immedesimazione con gli altri, la tendenza a soccorrerli con suggerimenti e
consigli, corrisponde ad un’altra spiccata caratteristica: come sente l’armonia
dell’arte, così pure vede nella giustizia, nel senso più ampio della parola,
la garanzia della felicità, il pegno d’ogni esistenza veramente dignitosa. Il
bisogno di equilibrio, di giustizia, di armonia, di cultura, di bellezza e di
arte espresse come qualità mentali, fanno parte del fascino del segno della
Bilancia che riesce ad esprimere indifferentemente sia in ambito maschile che
femminile, fondendo gli opposti ed attribuendo all’uno capacità solitamente
dell’altro. Il tipo di energia che esprime il segno trova corrispondenza
anatomica nella parte lombare, i reni, la vescica, il monte di Venere, lo smalto dei denti ed il sistema venoso. La
corrispondente pietra natale ed anche preferita è l’opale, pietra portafortuna
il lapislazzulo, pietre a evitare tutte le nere e le rosse, metallo il rame,
giorno il venerdì e il sabato, colore l’azzurro.

Simbolo
relativamente recente, generato dalle chele dello Scorpione, rappresenta un tipo di
giudizio senz’altro più morbido del taglione
scorpionico, come l’Atena greca, personificazione della legge, della verità
e dell’ordine sociale. Bilancia come la bellezza esteriore e la musicalità di
Afrodite, ma più della dea
contribuiscono a comprendere la polarità dell’intima natura del segno le
figure di Paride e Tiresia. Paride, figlio di Priamo re di Troia e vista la sua
capacità di giudizio e di relazionarsi con il sesso femminile, è scelto da
Zeus per giudicare quale tra le dée Era, Atena ed Afrodite, sia la più bella
premiandola con un pomo dorato. Da Bilancia avrebbe diviso il pomo in tre parti
per non attirarsi le ire delle due perdenti, ma è costretto a scegliere. Atena
gli promette vittoria in tutte le battaglie, ma Paride non è un Ariete, Era gli
offre il dominio sull’Asia, ma Paride non è un Capricorno e non vuole
responsabilità. Allora Afrodite gli promette l’amore di Elena, la donna più
bella del mondo e moglie di Menelao, re di Micene. Consegnato senza indugio il
pomo dorato ad Afrodite, si attira inevitabilmente addosso le ire delle altre
due. Innamoratosi di Elena e contraccambiato, i due si rifugiano nella città di
Troia causandone la guerra vendicativa e la distruzione da parte dei greci. Se a
Paride viene imposta una scelta in amore cui è riluttante, che comporta
indecisione e difficoltà e gli fa fare una brutta fine, la figura di Tiresia
mostra il lato interiore del simbolo. Il profeta Tiresia, con il favore della
dea Era, ha l’opportunità di osservare l’accoppiamento di due serpenti nel
bosco sacro della dea ed incuriosito di quale dei due serpenti provasse più
piacere, riceve da Lei l’opportunità di vivere alcuni anni come donna per
sperimentarne il ruolo. Ritornato alla forma maschile e chiamato alla corte di
Zeus ed Era, gli viene chiesto in quale dei due ruoli avesse provato più
piacere. Tiresia risponde: “la femmina”, offendendo la vanità maschile di
Zeus e suscitandone l’ira al punto da essere reso cieco. Ma nei miti greci la
cecità è simbolo di vista interiore e così Tiresia, acquistando la visione
interiore, diventa un profeta capace di visione intuitiva diretta all’interno,
in direzione di sé.