Questo sito contribuisce alla audience di

LE FAQ DI ASTROLOGIA

Quarta parte di Luciano Drusetta

Astrologia e astrologi

Cos’è un astrologo?

Se si accetta la definizione di astrologia come
scienza, l’astrologo è uno studioso di dignità pari ad altri scienziati. Se si
accetta la definizione di astrologia come “arte”, l’astrologo è un
artista-artigiano, la cui attività è supportata da anni di studio e di
esperienza pratica, ma anche coadiuvata da una buona dose di intuito.

L’astrologo
è lo studioso di astrologia. L’astrologo fa essenzialmente oroscopi, cosa che
gli permette di verificare giorno dopo giorno la validità dell’astrologia e dei
suoi metodi, ma tende anche ad approfondire gli aspetti teorici della materia.
Pertanto anche in questo campo potremmo parlare di astrologi
“ricercatori”, di “teorici dell’astrologia” e di cultori
dell’astrologia pratica.

Come si diventa astrologi?

Non essendoci corsi parificati (per lo meno qui in
Italia), l’unico metodo sicuro è quello di leggere molti manuali e fare molta
pratica. Come per altre attività, anche per l’astrologia occorre “essere
portati”, ma chiunque può, con un po’
di pazienza e di impegno, appropriarsi dei principi fondamentali della
materia.

Io so fare oroscopi, posso considerarmi un astrologo?

Posso dare la mia opinione personale. Dopo anni di
pratica, che è opportuno fare nella più assoluta umiltà, “scatta”
qualcosa che ci fa capire che ormai abbiamo anche noi delle cose da dire e da
insegnare. Prima di quel momento non ci si può considerare astrologi, ma solo
appassionati, semplici cultori della materia.

Come faccio a capire se ho di fronte un
astrologo serio?

Non
è semplice. Se fa oroscopi sulla base di dati incompleti (per esempio se ti
chiede solo il giorno di nascita ma non l’ora) o non inerenti (per esempio ti
chiede se sei nato di martedì o di domenica, o ti chiede la foto, s’informa se
sei nati in ospedale o a casa, o se vicino a te c’è una donna bionda o uno
spasimante bruno) o non è un astrologo o - nella migliore delle ipotesi -
dovrai accontentarti di un oroscopo approssimativo, incompleto o con elementi
presi da altre discipline (numerologia, eccetera). Il
che, sia detto chiaramente, non significa necessariamente che chi vi fa
l’oroscopo sia per forza una persona poco seria. In ogni caso, ricordate che i
dati necessari e sufficienti a compilare un oroscopo sono
:

-
data di nascita espressa in giorno, mese e anno

-
ora di nascita espressa in ore e minuti

-
luogo di nascita o sue coordinate geografiche (compreso fuso orario per le
località esotiche)

- specificare se
il soggetto di cui si chiede l’oroscopo è maschio o femmina.

Non conosco l’ora di nascita, come faccio?

Un’ora
di nascita sufficientemente affidabile dovrebbe apparire sull’Estratto dell’Atto
di Nascita. L’astrologo esperto è però in grado di procedere ad opportune
operazioni di rettifica, che gli permettono di stabilire, spesso con
ottima approssimazione, l’ora esatta della vostra nascita. Ma per farlo ha
bisogno di tutta la vostra collaborazione: l’astrologo non è un mago capace di
indovinare i vostri pensieri, dovete dialogare con lui e rispondere con
schiettezza a tutte le sue domande.

Quanto è giusto pagare per un consulto
astrologico?

E’ una questione spinosa. Tariffe ufficiali non ne ce
sono, dunque dipende dal tuo buon senso. Informati sulla serietà della persona
prima di aprire il portafoglio a chiunque! Ma ricordati quanto ho scritto a
proposito del ruolo e della professionalità dell’astrologo: fare un oroscopo, e
farlo bene, richiede tempo e studio, dunque è giusto che chi mette a tua
disposizione la sua professionalità ed esperienza ti chieda una cifra
ragionevole.

Potrei paragonare l’attività dell’astrologo a quella di un
traduttore-interprete: sono entrambi dei professionisti che offrono un servizio
sulla base di determinate tariffe di mercato. Chi non è del settore può avere
difficoltà a valutare la validità del servizio che riceve, ma così come non
è giusto non pagare un traduttore per una traduzione che si ritiene (a volte
ingiustamente) “non corretta”, anche l’astrologo non può
“garantire il risultato”, pertanto va pagato anche se il servizio è
inferiore alle aspettative.