Questo sito contribuisce alla audience di

La trasformazione dello Zodiaco

di Giuliana Conforto

L’astrologia è una delle nove Muse figlie di Mnemosine: l’Astrologia piu’ che contegna stelle l’immenso spazio dell’eterea regione, se piu’ dir si puote. I ritmi della sinfonia risuonano al livello del sistema solare nei segni zodiacali che formano una piccola orchestra “locale”, per cosi dire, che non coincide con quella delle Costellazioni.

Per la nostra favola, i segni zodiacali sono le immagini delle Costellazioni nel film proiettato dal centro del sole su quello “schermo” che è l’orizzonte collettivo del pianeta; un orizzonte che è in verità un sistema di lenti gravitazionali o sfere di cristallo, secondo gli antichi, al cui centro si trova la Terra. Il cuore del Sole e il cuore della Terra sono al centro di due sistemi di lenti gravitazionali che definiscono i rispettivi orizzonti che collimano tra loro solo in particolari eventi (allineamenti, eclissi o particolari configurazioni)

Lo Zodiaco è un sistema di proiezione del film olografico interattivo che coinvolge tutto il sistema solare e si riflette solo in parte nell’orizzonte da noi osservato. Non dimentichiamo infatti che di stelle e di galassie noi osserviamo solo l’immagine, cioè la pista video o campo elettromagnetico, un film muto, per intenderci. Ignoriamo i messaggi “deboli”, i ritmi della possente sinfonia cosmica che dirige le funzioni di tutte le stelle, cioè dirige la fusione nucleare che avviene nel loro cuore. La fisica lo sa, ma non sa che i rivelatori idonei dei messaggi deboli sono proprio i corpi umani che li registrano come forti e profonde emozioni; messaggi audio di quella musica silente, dice la nostra favola, che dirige anche i ritmi biologici, le funzioni fisiologiche e la secrezione ormonale delle ghiandole endocrine. I messaggi deboli ci coinvolgono con cocenti emozioni perché il nostro sistema nervoso è molto complesso e dotato di postura eretta. Lo Zodiaco è soprattutto un sistema di trasmissione audio le cui musiche risuonano nell’intero sistema solare e si trasmettono da cuore a cuore, cioè da nucleo a nucleo di tutti i corpi, stelle, pianeti e umani. E’ la sinfonia della vera Luce, di cui noi osserviamo solo le ombre, le immagini. Sembra filosofia, ma non lo è. Le immagini sono trasmesse dalla luce elettromagnetica che è la traccia della Luce pesante, un’energia oscura scoperta oggi anche dalle scienze. La luce elettromagnetica è l’ombra che crea lo spazio e il tempo e crea anche le distanze, misurate dagli astronomi. Per la  vera Luce, o energia oscura, le distanze non contano, perché è il canto dell’universo, la sinfonia che risuona in ogni cuore disposto ad ascoltarla. Sembra poesia, ma non lo è. I recenti satelliti hanno registrato il primo “vagito” dell’universo e così dimostrato che tutti i tempi coesistono nel presente. Ogni segno zodiacale è un accordo musicale sul quale risuonano i corpi piccoli e grandi, pianeti e parti del corpo umano. I segni dello Zodiaco sono dodici, come le particelle elementari per noi fondamentali; compongono un’unita’ che definisce i vari corpi dell’uomo e mondi della terra. Al momento del primo respiro, il neonato “fotografa” lo Zodiaco. E’ una fotografia effettuata con la vera Luce che stampa una sorta di ologramma nel suo cervello e definisce così le condizioni psichiche probabili della sua vita. La nascita è la verifica del principio olografico, per cui “il piccolo è come il grande”; il neonato è l’espressione, nel piccolo, del grande film, l’intero universo, che include entrambe le due piste, video e audio. Queste sono le due forze o meglio i due lati della Forza che la fisica ha scoperto e chiamato Elettrodebole.

Molti dei segni zodiacali raffigurano animali e soprattutto trasmettono al pianeta terra le loro caratteristiche psichiche, scoprono gli antichi astronomi: ariete, toro, cancro, leone, scorpione, capricorno e pesci sono non solo dei simboli, ma note musicali, note psichiche, che accomunano stelle e biologia terrestre, incluso l’uomo. Le Costellazioni dello Zodiaco sono gli strumenti musicali di un’orchestra che suona la sinfonia cosmica e che si riflette nell’uomo. L’astrologia è sempre e solo traccia di una realtà virtuale, probabile.

Qui emerge la grande audacia di Bruno: non solo le stelle influenzano l’uomo, ma anche l’uomo influenza le stelle. Allorché l’uomo si ricongiunge con se stesso, modifica il suo rapporto con le stelle e può trasformare l’intero Zodiaco. E’ quello che sta avvenendo ad una parte dell’umanità, quella che sente l’unità, anche la pista audio, e non si limita alle immagini, alle ombre della vera Luce. I tanti ritmi del mondo terreno sono generati dal moto diretto dalla vera Luce, il moto del cuore che ci commuove e ci collega a sole, luna e pianeti, segni e stelle dello Zodiaco e non solo.

La vera Luce è il Fuoco che collega ogni corpo, composto dell’Elemento Terra, ai corpi sottili, composti dagli Elementi Acqua e Aria. La vera Luce è la sinfonia universale composta dai tre ritmi di base dell’intero Universo; svela l’esistenza di mondi intelligenti ai quali ognuno di noi può partecipare anche inconsapevolmente. Il Fuoco compone l’anima ed il nostro corpo di luce che dirige la secrezione delle ghiandole endocrine, gli ormoni legati ad emozioni, sogni e desideri. La comprensione integrale di se stessi di soma, mente e psiche è la via per l’unità con il vero Sole, ovvero con la propria anima. E’ la possibilità di trasformare il proprio stato e la relazione con questo film apparente; insomma serve per cambiare film e passare da questo inferno ad un nuovo paradiso.

 

 

 

 

Link correlati