Questo sito contribuisce alla audience di

Gli appuntamenti degli astrofili italiani

Gli appassionati di astronomia in Italia hanno la possibilità di partecipare a meeting e manifestazioni riguardanti la loro passione. Eccone una presentazione.

E’ normale che chi è appassionato di qualche argomento particolare desideri prima o poi incontrare altre persone animate dalla medesima passione. Questo è quello che succede -e anche in maniera notevole- agli appassionati di astronomia, i quali tendono ad aggregarsi in gruppi ed associazioni. Partecipare ad un associazione, però, può non bastare ad acquietare il desiderio di condivisione e di conoscenza. Ecco allora che nascono gli “star parties” (feste delle stelle) e i grandi meeting nazionali.

L’ultima di queste occasioni di incontro, conclusasi lo scorso 3 settembre, è stata la sesta edizione della Settimana Astronomica, un evento astronomico per appassionati che si tiene ogni anno presso lo
Zeledria Hotel di Madonna di Campiglio. Ecco, brevemente, quali sono stati gli ingredienti di questa manifestazione.

Un’immagine dell’ammasso M13 ripresa durante la Settimana Astronomica con un CCD

Come nelle edizioni precedenti, un nutrito gruppo di astrofili ha potuto passare una settimana di “full immersion” astronomica a stretto contatto con esperti del mondo dell’astronomia professionale e dell’astrofilia, ampliando le proprie conoscenze e scambiando esperienze con altri appassionati. Mentre alcuni esperti astrofili dell’associazione nazionale di astronomia amatoriale GIGA curavano le attività osservative, personaggi come Walter Ferreri, noto autore di libri divulgativi e Giovanni Dal Lago, vicedirettore della rivista Coelum, hanno tenuto seguitissime conferenze. Infine, due professori coinvolti nella ricerca astronomica di punta, F. Marzari e R. Gratton, hanno messo al corrente i partecipanti di tutte le scoperte di pianeti extrasolari delineando con cura i retroscena delle nuove acquisizioni teoriche e i forti problemi ancora irrisolti che queste scoperte hanno posto ai ricercatori.

Foto di gruppo dei partecipanti alla Settimana

Ovviamente di notte si metteva mano ai vestiti pesanti per salire al campo osservativo e guardare con i propri occhi, attraverso i telescopi a disposizione, gli oggetti di cui si parlava durante il giorno.

Questo resoconto della Settimana Astronomica dovrebbe aver chiarito anche ai “non addetti” il senso di simili manifestazioni: vivere insieme ad altri la propria passione e, come accade inevitabilmente, imparare qualcosa di nuovo. Gli appuntamenti nazionali per fare tutto questo, e per tenersi informati delle novità del fecondo panorama astrofilo italiano, sono riassunti di seguito:

Link correlati