Questo sito contribuisce alla audience di

Oculari per telescopi astronomici

Sto per acquistare un telescopio 114/900, come mi hai già consigliato, ma non ho idea di cosa siano i pl e i k. Penso siano oculari ma non ne sono sicuro e poi non so in cosa differenzino!!! Inoltre avrei un'altra domanda, cosa è un ortoscopio???

“Pl” e “K” sono le abbreviazioni delle parole “Plossl” e “Kellner” che individuano due tipi di oculari per telescopi. A seconda dello schema ottico, infatti, si hanno diversi tipi di oculari.

Per tentare una classifica della bontà degli oculari (considerando parametri usuali quali: ampiezza del campo apparente, correzione delle aberrazioni e… prezzo), abbiamo, partendo dal più economico e semplice, i seguenti tipi: Huygens (H), MA, Kellner (K), Ortoscopici (Or/Ortho) e varianti quali i Plossl (Pl), Wide (W) e altri oculari panoramici (campo apparente > 60°).

Vediamoli in dettaglio.

Gli Huygens, a causa del campo ridotto e poco corretto non sono consigliabili. Per un 114, in realtà, possono ancora essere utilizzabili Huygens a bassi ingrandimenti (focale superiore ai 20mm, quindi meno di 45x).

Gli MA lavorano alquanto bene solo su telescopi con rapporto focale molto alto (almeno F/10), ma hanno un campo apparente piccolo. Per intenderci, un campo apparente piccolo, per esempio di 20°, darà l’impressione di osservare da un buco della serratura, mentre uno grande, di 70° o più, regalerà incredibili sensazioni panoramiche.

I Kellner possono considerarsi i primi oculari accettabili per ogni uso, ma continuano ad avere un campo ristretto (sui 40°) e non completamente corretto.

Gli ortoscopici invece hanno un campo apparente di circa 50° e una alta correzione ottica. Sono oculari ottimi per l’osservazione ad alto ingrandimento di Luna e pianeti. I Plossl, variante degli Ortoscopici, ne aumentano il campo visuale.

Esistono anche i “super-plossl“, con campo apparente (e costo) ancora maggiore.

Gli Erfle, non citati nella lista, hanno un campo apparente simile se non maggiore a quello dei Plossl ma una correzione ottica inferiore e sono quindi normalmente montati solo sui binocoli.

I wide e i superwide, insieme ad altri nomi legati a marche commerciali, sono oculari che offrono un grande campo, addirittura fin oltre agli 80°: come affacciarsi da un largo oblò direttamente nello spazio.

Oculari di questo tipo, con anche 8 lenti, devono avere trattamenti multistrato su ogni superficie ottica per ridurre le riflessioni interne che li rendono sconsigliabili per osservare oggetti brillanti come Luna e pianeti.

Unica pecca: possono costare tranquillamente il doppio di un 114!

in questo intervento trovi la tabella con tutte le altre sigle e diciture degli oculari in commercio.


>