Questo sito contribuisce alla audience di

impatti meteorici

Esiste un rapporto tra il diametro dei crateri da impatto meteorico scoperti sulla Terra e la massa dell'oggetto che li ha provocati?...

Domanda

Esiste un rapporto tra il diametro dei crateri da impatto meteorico scoperti sulla Terra e la massa dell’oggetto che li ha provocati?
E qual’è il limite al di sotto del quale la velocità di impatto del meteorite dipende dall’attrazione gravitazionale del pianeta e al di sopra del quale invece dipende dalla velocità propria nello spazio?
Grazie.


Risposta


> Esiste un rapporto tra il diametro dei crateri

> da impatto meteorico scoperti sulla Terra e la

> massa dell’oggetto che li ha provocati?

Certamente! Il diametro di un cratere dipende infatti dall’energia dell’impatto e questa, a sua volta, dipende dalla massa e dal quadrato della velocità. Tuttavia la dipendenza fra diametro del cratere ed energia dell’impatto non è lineare.


> E qual’è il limite al di sotto del quale la

> velocità di impatto del meteorite dipende

> dall’attrazione gravitazionale del pianeta e

> al di sopra del quale invece dipende dalla

> velocità propria nello spazio?

La sola attrazione terrestre farebbe cadere un meteorite inizialmente “fermo” con una velocità non superiore a 11 Km/s, poca cosa rispetto alle velocità orbitali dei corpi celesti nella parte interna del Sistema Solare (la Terra per esempio orbita attorno al Sole con una velocità di 29.7 km/s). Direi quindi che normalmente conta di più la velocità propria dell’oggetto che non l’attrazione gravitazionale della terra.

Può considerare quindi come “limite” la velocità di fuga del pianeta.


>