Questo sito contribuisce alla audience di

Elettroni

Dato che l'emissione di una qualunque radiazione elettromagnetica si ha quando gli elettroni eccitati ricadono su livelli energetici più bassi, come si spiega l'emissione della stessa mentre l'eccitazione continua, senza che abbia termine? Come fanno gli elettroni, in tal caso, a ricadere? (Penso a nebulose a emissione, corpi che bruciano, ecc.)

Risposta

Bè, la premessa che fai non è corretta.
L’emissione di radiazione si ha anche ogni volta che un elettrone (o una qualunque particella carica) viene accelerata!
Se scaldi un pezzo di ferro, l’agitazione termica che “scuote” gli elettroni produce un’emissione luminosa.
Questo vale per le lampadine a incandescenza (riscaldate per effetto Joule da una corrente elettrica) come per le stelle (riscaldate dalle reazioni nucleari).

Il principio di “salto energetico” degli elettroni vale invece nelle nebulose ad emissione (il cui gas è eccitato da una sorgente di radiazione altamente energetica, come una stella blu o una nana bianca), come nei tubi al neon (dove la fonte d’eccitazione del gas rarefatto all’interno è data dalla corrente elettrica).

<<< precedente | successiva >>>