Questo sito contribuisce alla audience di

La guida risponde

0 Vota

Diametro obiettivo e ostruzione

Domanda

Ciao, sono di nuovo Claudio e ti ringrazio per la tua precedente risposta. Ti vorrei porre un'altro quesito questa volta un po più tecnico: come da te spiegato il diametro di un telescopio corrisponde all'apertura dello stesso quindi piu diametro piu luce in entrata...giusto? Il problema (per me) sorge quando parliamo di apertura di un newtoniano, infatti in questi telescopi c'è lo specchio secondario che copre parzialmente la luce in entrata; secondo te in questo caso, quando si parla di apertura, non sarebbe piu corretto dire quella effettiva meno quella dello specchio secondario? Ad esempio: in un riflettore di 114 sarebbe piu realistico dichiarare un'apertura di 94 (114 meno 2 centimetri per l'alloggiamento del secondario)? E se tutto questo che dico fosse vero, potremmo paragonare (come quantità di luce in entrata) un rifrattore 90 con un riflettore 114 che a questo punto farebbero entrare piu o meno la stessa luce? Insomma, dando per scontato quanto detto, non ti sembra un po ingannevole, nei riflettori, il diametro dichiarato? Non sarebbe piu corretto parlare di "diametro utile"? Ciao Claudio

Risposta

Claudio, quello che dici ha un fondo di verità (ma solo un fondo!).

Per prima cosa va detto che se l'apertura è X, anche se ostruito, il telescopio avrà il potere risolutivo assegnato dall'ottica alla sua apertura, quindi l'ostruzione non cambia nulla in termini di capacità di risolvere, per esempio, stelle doppie.

L'ostruzione dà comunque problemi sull'"incisione" dell'immagine: maggiore è l'ostruzione, più "impastata" sarà l'immagine. Questo fenomeno diventa evidente nell'osservazione di pianeti "difficili" come Venere e Mercurio, i cui dettagli sono davvero evanescenti.

Un rifrattore, che non è ostruito, darà su questi pianeti un maggior contrasto offrendo i risultati di un newtoniano di diametro 1,5 volte maggiore (a volte anche di più).

Differente il discorso della luminosità: il secondario fa in effetti ombra sul primario sottraendogli un po' di luminosità. A quanto ammonta la perdita di luminosità? La frazione di luce persa è pari al quadrato dell'ostruzione: se questa è del 15%, la luce persa è (0,15 x 0,15) pari a 0,0225, ovvero il 2%, davvero poco! Non è quindi giusto il discorso che se il secondario è di 2 cm allora è come togliere 2 cm al diametro del primario! (un cerchio di 2 cm ha un'area ben minore di una corona circolare larga 2 cm ma con diametro esterno di 11,4 cm!).

In definitiva il diametro dell'obbiettivo è sempre un valore fondamentale, e l'ostruzione va considerata a parte.

fur*** - 14 anni e 1 mese fa
Registrati per commentare