Questo sito contribuisce alla audience di

La guida risponde

0 Vota

Minima distanza della Luna

Domanda

In occasione della Luna piena del 19 Marzo (minima distanza dalla Terra ) ho letto che questo fenomeno si ripete ogni 19 anni. Quale le ragioni? le stesse del ciclo periodico delle eclissi? Saluti e grazie!

Risposta

Caro omonimo,
forse sai che da oltre un mese la Guida di Astronomia, come tutte le altre, è chiusa e quindi non può essere più aggiornata. Curiosamente mi pervengono ancora le domande e posso quindi risponderti.
La "superluna" del 19 marzo 2011 è un buon esempio di disinformazione scientifica dei mass media. Intanto perchè le dimensioni massime che può raggiungere la Luna (come in quella occasione) sono meno del 7% maggiori a quella media (quindi un aumento impercettibile per la maggior parte delle persone, per cui la notizia è secondaria). E poi perchè non è un fenomeno così raro (il 12 dicembre 2008 era ancora più grande, e pure più luminosa poichè eravamo più vicini al Sole).
Anche la periodicità di 19 anni riportata dai notiziari è discutibile (come peraltro dimostra il fatto che 2 anni fa si è ripetuto lo stesso fenomeno).
I 19 anni citati dai telegiornali richiamano il ciclo metonico (periodo dopo il quale le fasi lunari si ripetono alle stesse date. Ma questo ciclo ha un significato puramente aritmetico (minimo comune multiplo tra anno solare e mese lunare) e non ha niente a che fare con la distanza della Luna.
Tu citi il ciclo delle eclissi (Saros), scoperto più di 2500 anni fa, che è di 18,03 anni (223 mesi lunari sinodici), ma anche questo è il minimo comune multiplo tra mese sinodico (ciclo delle fasi) e mese draconico (periodo tra due passaggi consecutivi della Luna al nodo ascendente) e quindi ignora anch'esso la distanza lunare.
Vicino ai "19" anni è pure il periodo di precessione dei nodi lunari (18,61 anni), che tuttavia è ancora indipendente dalla posizione degli apsidi (perigeo e apogeo) lunari.
Quello che conta, in realtà, è il periodo di rotazione della linea degi apsidi, perchè le distanze di perigeo e apogeo dipendono proprio da come questa linea è orientata rispetto al Sole (fenomeno dell'evezione). Questo periodo è di 8,85 anni e secondo me è la misura di quanto siano approssimativi e inattendibili i mass media in campo scientifico.
Tuttavia la variazione della distanza degli apsidi lunari non è semplicemente periodica perchè è soggetta a molteplici e assai intricate perturbazioni (dipendenti perfino dall'attrazione di Giove e di Venere). La descrizione precisa è data da una teoria (la Teoria Lunare) sostanzialmente non divulgabile per l'estrema complessità.

http://it.wikipedia.org/wiki/Orbita_della_Lun… paolo gigli - 10 anni e 8 mesi fa
Registrati per commentare