Questo sito contribuisce alla audience di

Il grande Franco Branciaroli in Don Chisciotte

L’artista e il critico Sergio Sciacca inaugureranno il 9 febbraio “Doppia Scena”, il ciclo di incontri promosso quest’anno dal Teatro Stabile di Catania e la Feltrinelli


Cresce l’attesa per il debutto catanese di Franco Branciaroli impegnato in Don Chisciotte, sua personale rilettura del capolavoro di Cervantes, con la quale il grande attore e regista si ripresenta all’applauso del pubblico del Teatro Stabile di Catania.

Lo spettacolo sarà in scena alla Sala Ambasciatori dall’8 al 13 febbraio, nell’ambito del ricco cartellone impaginato dal direttore Giuseppe Dipasquale sul Leitmotiv “Il tempo della musica”: omaggio - in tempo di crisi - all’universale e aggregante linguaggio musicale, e dunque al “suono” della parola, che raggiunge nel virtuosismo di Branciaroli stupefacenti vette interpretative.

L’artista inaugurerà anche il nuovo ciclo di “Doppia scena”, l’ormai tradizionale serie di incontri con i protagonisti del cartellone che torna in una veste innovativa e dinamica. La realizzazione dell’iniziativa, in questa stagione, è frutto della sinergia stretta tra lo Stabile e la Feltrinelli, che ospiterà gli eventi nella sede di via Etnea. Il primo appuntamento è per mercoledì 9 febbraio alle 17,30, appunto con Franco Branciaroli e il critico teatrale Sergio Sciacca.

«Don Chisciotte è un enorme trattato sull’imitazione: così come lui imita i cavalieri, io imito i cavalieri della scena». Con questa premessa Franco Branciaroli, dopo l’originale edizione di Finale di partita in cui il protagonista parlava con la voce dell’ispettore Clouseau alias Peter Sellers, si prepara al nuovo spettacolo tratto dal testo di Miguel de Cervantes. Branciaroli sarà infatti impegnato nel doppio ruolo di Don Chisciotte e Sancho Panza, cui darà, imitandole, le voci di Vittorio Gassman e Carmelo Bene. Il vagabondare verbale, divertente e commovente insieme, dei due mattatori ripercorrerà alcune delle scene più celebri del grande romanzo picaresco del siglo de oro spagnolo.

«Li immagino nell’aldilà - spiega ancora Branciaroli - mentre confessano che avrebbero sempre voluto mettere in scena il libro più d’avanguardia che ci sia, il Don Chisciotte. Li faccio parlare e così, accanto ai personaggi dell’Hidalgo e di Sancho, riprenderanno vita anche i loro dialoghi, i loro battibecchi, il loro immaginario». Ecco dunque che le “maschere verbali” dei due grandi protagonisti della scena teatrale italiana daranno anche occasione di ritrovare atmosfere di un Gran teatro che non c’è più e che lo stesso Branciaroli, che con Bene ha recitato ai suoi esordi, ha preso per la coda: «Erano due avversari irriducibili - continua l’attore e regista - ma anche, al fondo, due artisti che si stimavano. E questa è una cosa che mi commuove».

Divertimento con un pizzico di nostalgia sarà infatti la temperatura emotiva dello spettacolo. Il finale? Non è una vera fine, cosa che sarebbe pertinente solo con il mondo dell’aldiqua, mentre nel tempo eterno i nostri due mattatori, e idealmente Branciaroli con loro,possono ripetere all’infinito,variandola e reinventandola, la rappresentazione. E così è.

Per maggiori informazioni
www.teatrostabilecatania.it

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti