Questo sito contribuisce alla audience di

In rivolta le università austriache

A un anno dall’ultima grande mobilitazione, gli studenti hanno sfilato con docenti e rettori degli atenei. Occupata l'università di Vienna.

La minaccia di tagli alle università ha portato in piazza gli studenti austriaci. Alcune migliaia di dimostranti (7.000 secondo la polizia, 20.000 secondo gli studenti) sono scesi in piazza il 19 ottobre per protestare contro i tagli alla scuola previsti dall’ultima finanziaria del ministro delle finanze e vice cancelliere, Josef Proell. Nella notte gli studenti hanno anche occupato l’aula magna dell’Università di Vienna. La mattina del 20 ottobre, a polizia ha sgombrato la sala e le lezioni sono riprese regolarmente.
A marciare con gli studenti erano presenti anche docenti e rettori degli atenei. Tutti per dire “no” al progettato congelamento dei fondi, che dal 2013 sottrarrebbe circa 300 milioni di euro all’anno alle università.
Un incontro per discuterne con i rettori è stato fissato per il 22 novembre. Quando però la finanziaria austriaca sarà già approvata.

Leggi la notizia Ansa cliccando qui.