Questo sito contribuisce alla audience di

Fiat Fiorino

A Torino rispolverano un nome che ha fatto storia per battezzare un nuovo commerciale formato tascabile

Dal sito MotorBox.com

“PASSATO GLORIOSO
La numismatica continua ad appassionare i vertici Fiat e in particolare quelli che seguono i veicoli commerciali sotto il brand Professional, che luccica neanche fosse ancora fior di conio. Per battezzare l’ultimo nato, a Torino hanno deciso infatti di rispolverare il glorioso nome Fiorino. Lo stesso cioè che aveva la versione da lavoro della 127, venduta a suo tempo in ben 1.200.000 esemplari.

NUOVO DI ZECCA
Il Fiorino che debutta in questi giorni nelle concessionarie non deriva invece da alcun modello Fiat tutto casa e famiglia. Il pianale è nuovo di zecca e anche i lamierati non tradiscono una discendenza né dalla Panda, né dalla Grande Punto. L’unica parentela evidente è al limite con il Doblò, che con il Fiorino ha in comune soprattutto la forma degli archi passaruota.

IN GUARDIA
Per il resto il Fiorino fa storia a sé. Il frontale è corto e un po’ tozzo, arcigno ma simpatico, come quello di un cucciolo di boxer. Per affrontare meglio i corpo a corpo tipici del clima da guerriglia urbana dei centri storici, il nuovo nato in casa Fiat si rimbocca i lamierati e lascia spazio a un enorme fascione paraurti in plastica grezza. Anche i fari sono in posizione molto rialzata, al riparo dai colpi bassi che ogni tanto partono in manovra…”

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link successivo. Ciao, Luigi

Link correlati