Questo sito contribuisce alla audience di

In ufficio ai tempi del caro-benzina

Un’impresa su cinque ha realizzato degli studi per ottimizzare il percorso da casa al lavoro ma sono poche quelle che offrono a tutti i dipendenti un sostegno

Dal sito MioJob Repubblica.it
 
“Un’impresa su cinque ha realizzato degli studi per ottimizzare il percorso da casa al lavoro ma sono poche quelle che offrono a tutti i dipendenti un sostegno per agevolare il trasferimento e che vedono il telelavoro come strumento utile per rispondere alla crisi. A fare a meno alla vettura soprattutto gli atipici. E cresce il rischio della “mobilità classista”.
 
Da un lato c’è il prezzo della benzina che cresce. Dall’altro l’esigenza quotidiana di doversi recare sul posto di lavoro. Nel mezzo, ci sono la gran parte degli italiani. Tutti costretti a fare quadrare i conti in tempi di effimere buste paga e crescente costo della vita. Con una rete dei trasporti pubblici che non dà cenni concreti di uscire da una persistente inefficienza e le realtà aziendali ancora caratterizzate, tranne casi infrequenti, da organizzazioni obsolete.
 
Nel mezzo gli italiani, costretti, loro malgrado, a una scelta, o meglio, all’illusione di una scelta: lasciare la macchina a casa o prendere un autobus dai tempi incerti? Azzardarsi a pedalare sull’esile struttura di una bici nel mezzo del mare metallico delle autovetture inquinanti o andare a piedi con il caldo di questi giorni?..”
 
Per continuare la lettura, basterà cliccare il link successivo. Ciao, Luigi