Questo sito contribuisce alla audience di

Ora anche le auto blu hanno il loro sindacato

«I politici di oggi? Appena eletti si preoccupano subito di capire quali sono i loro nuovi privilegi, e noi siamo tra questi»

Dal sito Il Giornale
 
“Milano - «I politici di oggi? Appena eletti si preoccupano subito di capire quali sono i loro nuovi privilegi, e noi siamo tra questi». A dirlo è Andrea Vignotto, fondatore del Siar - sindacato italiano autisti di rappresentanza - che conta circa duemila autisti di auto blu. Professionisti del volante che devono conoscere il cerimoniale ma anche saper mettere le mani in un motore o cambiare una ruota a tempo di pit stop.

La convivenza in auto non è certo facile, c’è chi vuole la musica classica e chi non ama la radio, chi desidera l’aria condizionata e chi il finestrino aperto, chi odia la velocità e chi ha sempre fretta. «Questi ultimi sono la maggior parte, ma noi di patente ne abbiamo una sola - continua Vignotto - non abbiamo anche quella di servizio come i conducenti di autobus. Se ce la tolgono siamo fregati.
 
Va detto: i politici ci chiedono di violare in modo sistematico il codice della strada per esigenze di servizio. I cinquanta orari spesso diventano un’utopia quando si ha un’agenda colma di impegni istituzionali. Inoltre a Roma entrare in via del Corso o piazza Colonna è una routine ma sono zone ufficialmente interdette al traffico…”
 
Per continuare la lettura, basterà cliccare il link successivo. Ciao, Luigi