Questo sito contribuisce alla audience di

A rischio il mondiale Rally

Dopo Suzuki lascia anche Subaru

la_repubblica Per lo sport automobilistico le conseguenza della crisi del mercato delle quattro ruote sono veramente tristi infatti, da un articolo presente in Repubblica.it, risulta che a partecipare al Mondiale Rally restano solo Citroen e Ford e guardando al regolamento, non bastano per la competizione. Di seguito la parte introduttiva dell’articolo:

“ROMA - La crisi dell’auto colpisce ancora il mondo delle corse. E così, dopo la Suzuki, anche la Subaru dice addio al Mondiale Rally. “Le nostre entrate si sono rapidamente ridimensionate e per proteggere il marchio siamo stati costretti a prendere questa la decisione”, ha spiegato il Ikuo Mori, presidente della Fuji Heavy Industries, costruttrice delle auto da corsa della casa giapponese.

“Le prospettive del nostro business sono cambiate in modo rapido e drammatico a causa della crisi dell’economia globale - ha aggiunto il manager - quindi, nel quadro di un’ottimizzazione delle risorse abbiamo deciso di lasciare da subito le competizioni”. La Subaru aveva vinto il titolo iridato costruttori in questa specialità per tre anni consecutivi: 1995, 1996 e 1997, contando su piloti del calibro di Carlos Sainz, Colin McRae e Richard Burns…”

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link correlato. Ciao, Luigi