Questo sito contribuisce alla audience di

Per l'industria automobilistica ancora molti anni di crisi

Gli incentivi all’acquisto delle auto se da una parte fanno felici gli utenti dall’altro trovano diversi detrattori. Secondo questi ultimi il provvedimento a lunga scadenza risulta nocivo,[...]

motori 24 Gli incentivi all’acquisto delle auto se da una parte fanno felici gli utenti dall’altro trovano diversi detrattori.

Secondo questi ultimi il provvedimento a lunga scadenza risulta nocivo, soprattutto se sommato al credito facile e ad altri elementi che “drogano” il mercato.

Di questo e altro si parla nella sezione motori del sito Il Sole 24 Ore. Di seguito la parte in troduttiva dell’articolo:

“L’industria automobilistica è ben lontana dall’uscita dalla crisi. Nonostante i recenti numeri positivi sulle immatricolazioni (spinte dall’effetto incentivi), il settore resta in grave difficoltà. L’industria delle quattro ruote è fortemente indebitata ed è gravata da un notevole eccesso di capacità produttiva. Basti pensare che quest’anno i produttori sono costretti a contabilizzare una perdita di 1.800 euro per ogni veicolo venduto.

Tutti elementi che fanno stimare alla società di consulenza Alix Partnes, che ha recentemente pubblicato un rapporto sul settore automotive, la ripresa del mercato (ai livelli pre-crisi del 2007) non prima del 2014. E questo solo nel caso di una ripresa generale dell’economia. Se la recessione globale dovesse protrarsi infatti «le tempistiche del recupero si allungheranno ulteriormente». Per il 2010 si stima un cash flow complessivo negativo per l’industria del settore di oltre 40 miliardi…”

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link correlato. Ciao, Luigi