Questo sito contribuisce alla audience di

Si pensa a un censimento delle automobili "terremotate"

Dei giovani autorizzati avranno il compito di censire tutti quei veicoli che, “vittime” del terremoto, risultassero immobilizzati. Le schede di rilevamento serviranno anche per chiedere al[...]

testata Dei giovani autorizzati avranno il compito di censire tutti quei veicoli che, “vittime” del terremoto, risultassero immobilizzati. Le schede di rilevamento serviranno anche per chiedere al proprietario l’autorizzazione alla demolizione del mezzo.

Saranno disponibili uno spotello e un numero telefonico cui chiedere eventualmente informazioni e consigli su tutto quanto riguarda il progredire del censimento. I risultati dell’indagine dei giovanio sarà consultabile nel sito dell’automobil Club al termine di questa settimana. Di questo e altro si parla nel sito primadanoi.it. Di seguito la parte introduttiva dell’articolo:

“Un censimento di tutti gli autoveicoli immobilizzati nelle aree colpite dal terremoto del 6 aprile in Abruzzo, per la restituzione ai proprietari o la loro demolizione su consenso dei proprietari stessi.

E’ questo l’oggetto della Convenzione che il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Guido Bertolaso, e il presidente dell’Automobile Club de L’Aquila, Rosanna Di Gioacchino, hanno sottoscritto ieri a L’Aquila.

Un team composto da una ventina di giovani, residenti nelle zone terremotate, ha il compito di individuare i veicoli immobilizzati. Secondo una prima stima effettuata qualche settimana fa dal giornale Quattroruote, ammonterebbe a 5 mila il numero di auto rimaste sotto le macerie e non risarcite.
Adesso una prima svolta…”

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link correlato. Ciao, Luigi