Questo sito contribuisce alla audience di

In arrivo i rincari dell’Rc auto

Siamo alle solite: le compagnie assicurative continuano a tartassare gli automobilisti e nessuno che ne abbia l’autorità frena la loro ingordigia. Quale sarà la scusa questa volta? Resta il fatto[...]

Siamo alle solite: le compagnie assicurative continuano a tartassare gli automobilisti e nessuno che ne abbia l’autorità frena la loro ingordigia. Quale sarà la scusa questa volta?

Resta il fatto che mantenere l’auto, per le famiglie diventa sempre più difficile: aumentano i carburanti, aumentano le tariffe autostradali, aumenta la manutenzione e, al solito, le assicurazioni.

Intanto si parla un giorni sì e un altro pure di crisi del settore e si incentivano gli acquisti, ma anche quelli ora sono solo un ricordo. Probabilmente per stimolare la domanda di auto nuove bisognerebbe guardare anche all’elenco di cui sopra. Di questo e altro si parla nel sito VostriSoldi.it. Di seguito la parte introduttiva dell’articolo:

“Dopo l’aumento dei treni e delle autostrade arrivano puntuali i rincari dell’Rc auto, già da parecchie settimane preannunciati congiuntamente da Adusbef e dalla Federconsumatori. Ebbene, al riguardo le due Associazioni sottolineano come ora anche l’Isvap abbia certificato dei rincari che sono pari a ben il 15%, il che significa un aggravio medio a famiglia pari a ben 130 euro all’anno.

Insomma, per “coprire” l’auto dall’obbligo della responsabilità civile di questo passo ci vorrà un mutuo visto che già da anni i premi per l’assicurazione della macchina non fanno altro che aumentare a carico degli assicurati, anche quando questi da un anno all’altro non commettono incidenti con colpa…”

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link correlato. Ciao, Luigi