Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

« precedenti 10 | prossimi 10 »
  • Un finto diario di Pirandello

    Pirandello - nei Quaderni di Serafino Gubbio operatore - si misura criticamente con alcune delle nuove problematiche legate alla nascente società industriale italiana, che, nel primo decennio del '900, vede mutare le forme di vita collettiva delle grandi città. Le piazze sono attraversate delle prime automobili che contrastano con le vecchie e lente carrozzelle, mentre il cinema si impone come divertimento di massa.

  • VIA GEMITO di DOMENICO STARNONE intervista diClaudio Passiatore

    Quanto c'è di autobiografico nel suo romanzo? Nelle opere letterarie, persino in un racconto di fantascienza, si prende sempre molto dalla propria vita. In via Gemito c'è molta autobiografia, ma se da un lato c'è lo scrittore con la sua vita e le sue storie, all'atto di scrivere questo scrittore esce di scena e ne entra in gioco un altro che è il narratore che non ha più niente a che fare con le quelle vicende.

  • Mario Fortunato Amori romanzi ed altre scoperte

    Per parlare del suo ultimo libro, Amori, romanzi e altre scoperte, in questi giorni in libreria , incontro Mario Fortunato nella sua bella casa romana in Trastevere dove passo con lui un piacevole pomeriggio a discutere di questo libro, ma anche di altri temi che le pagine del libro suggeriscono.

  • Nati due volte di Giuseppe Pontiggia

    Nati due volte, al rapporto fra un padre e un figlio disabile. Più che la storia di uno scontro generazionale, Nati due volte è la cronaca di un incontro nel tempo, di un rapporto insieme duro e profondo, guardato senza compiacimenti retorici.

  • I diari di Buzzati – Intervista a Nella Giannetto

    Ma una sera all’improvviso, in solitudine, all’insaputa della intera umanità, con una matita in mano, egli scrisse alcune righe, e subito cominciò a staccarsi da terra. Volava un po’ sghembo, (…), si sentiva a casa sua lassù; macché ali, un mozzicone di lapis copiativo fra le dita gli bastava"2.

  • Gianni Vattimo con Piergiorgio Paterlini, Non essere Dio -

    Singolare, già nella forma, l’ultima opera di Gianni Vattimo: non è scritta da lui, ma da Piergiorgio Paterlini, e per questo non può definirsi un’ autobiografia, né, d’altronde, si tratta di una biografia, in quanto Vattimo non solo la controfirma, ma è egli stesso che parla in prima persona, rivolgendosi e raccontandosi peraltro a Stefano, l’attuale (si suppone) compagno del filosofo torinese

  • IL POETA CHE RACCONTAVA LA STORIA di Giovanni Nuscis

    La sera del 6 settembre 1995, quando Sergio Atzeni perse la vita, avevo suggerito la lettura dei suoi libri ad alcuni amici; un po’ insistendo, convinto del suo valore quanto dell’ingiusto silenzio che mi sembrava ci fosse su di lui, da parte dei quotidiani sardi. «Dovrebbe darti una percentuale, Atzeni, per i libri che gli fai vendere…» mi disse scherzoso uno dei presenti che sapeva della pubblicità fattagli anche in altre occasioni. (Una frase che mi è rimasta dentro, negli anni, assieme all’immagine della libreria di Sergio Atzeni, a Torino – che ho trovato descritta da qualche parte - ricavata da cassette per la frutta).

  • Franco Loi- Il poeta dell'aria

    Poeta, saggista e critico, Franco Loi è nato a Genova il 21 gennaio 1930, ma vive dal '37 a Milano, città di cui ha abbracciato il dialetto come cifra della propria vena poetica, coniando un linguaggio vernacolare ibrido che attige a piene mani da idiomi, gerghi e idioletti raccolti negli ambiti popolari e proletari della città e dell'Interland.

  • La forza del carattere di J. Hillman

    La nostra epoca è implacabile con gli anziani. L'aggettivo "vecchio", in tutte le sue accezioni, aggiunge una connotazione negativa al sostantivo cui si accompagna.

  • Duccio Demetrio

    Duccio Demetrio insegna Filosofia dell’educazione all’Università di Milano. Le sue ricerche promuovono la scrittura di se stessi, sia per lo sviluppo del pensiero interiore e autoanalitico, sia come pratica filosofica e terapeutica. Ha fondato e dirige la rivista Adultità e la Libera Università dell’autobiografia di Anghiari. Tra i suoi libri: Raccontarsi (Cortina, 1996); Pedagogia della memoria (Meltemi, 1998); Elogio dell’immaturità (Cortina, 1998); L’educazione interiore (La Nuova Italia, 2000); Di che giardino sei? Conoscersi attraverso un simbolo (Meltemi, 2000); Autoanalisi per non pazienti (Cortina, 2003); Ricordare a scuola (Laterza, 2003); Filosofia del camminare (Cortina, 2005).