Questo sito contribuisce alla audience di

Come si affrontano il ghiaccio e la neve

I consigli di Fabrizio Salatini

Con l’arrivo della stagione invernale, ulteriori elementi negativi si aggiungono alla sicurezza di marcia dei veicoli, primo fra tutti la diminuzione del coefficiente di aderenza fra pneumatici e terreno determinato dalla presenza di neve o ghiaccio sulla sede stradale.
Vediamo ora di elencare tutta una serie di accorgimenti che il buon automobilista dovrà applicare per diminuire al massimo le insidie ed i disagi della marcia su terreni innevati o ghiacciati.
Se percorriamo con elevata frequenza strade innevate o ghiacciate è indispensabile equipaggiare il nostro veicolo con pneumatici specifici per uso invernale, costosi ma indubbiamente efficaci e pratici. Le più economiche e  classiche catene da neve ,assolutamente di disegno romboidale, sono consigliabili per brevi ed occasionali percorrenze. Attenzione perché non tutti i modelli di veicoli e non tutte le dimensioni dei pneumatici sopportano il montaggio delle stesse. A tal fine sarà necessario consultare attentamente il libretto di uso e manutenzione del veicolo stesso. La scelta della marca sarà soggettiva, importante , per praticità, che siano di semplice montaggio e se possibile autotensionanti, eviterete in questo modo di dovervi fermare dopo pochi metri per ripristinare la giusta tensione.E’ buona norma , durante tutta la stagione invernale ,  averle sempre a bordo anche quando sul veicolo sono montati pneumatici specifici da neve.

Veniamo ora ai consigli specifici sulla condotta di guida che ciascun guidatore dovrà tenere in queste particolari e difficili condizioni di marcia. Generalizzando possiamo asserire che la migliore arma a disposizione degli automobilisti ,costretti in queste condizione , è senza dubbio la prudenza e la ridotta velocità di marcia, non solo, tutte le manovre dovranno essere effettuate con la massima dolcezza e delicatezza, quindi poco acceleratore, piede leggero sul pedale del freno ,cauta rotazione del volante e soprattutto prevenire anticipando le probabili situazioni e condizioni del manto stradale nonché l’andamento della strada stessa. Esempio: è più probabile che sia presente del ghiaccio sulla sede stradale nelle zone d’ombra , sui ponti o cavalcavia , dove c’è presenza di alberi vicini alla strada che spesso lasciano cadere la brina formatasi durante le ore più fredde. In caso di presenza di neve è buona norma seguire le carreggiate esistenti evitando di uscirne , sfrutterete così l’effetto rotaia molto utile soprattutto nelle traiettorie curvilinee. Se dovete ripartire da fermi , usate la marcia più lunga possibile compatibilmente con la potenza ed il carico del veicolo dosando adeguatamente frizione ed acceleratore, eviterete così inutili e pericolosi patinamenti delle ruote motrici soprattutto se la strada si presenta in salita.La marcia più lunga possibile è sempre consigliabile averla inserita, onde evitare repentine accelerazioni o peggio un’ eccessivo freno motore , in rilascio,che potrebbero comportare una pericolosa perdita di aderenza del veicolo.

Per quanto riguarda il rallentamento,su neve battuta o ghiaccio, voglio ricordarVi che se il veicolo è equipaggiato con il sistema frenante ABS sarebbe buona norma escluderlo in quanto la scarsa aderenza lo mette nelle condizioni di funzionare al massimo delle sue possibilità , quindi di non bloccare le ruote, con il risultato che il veicolo non si ferma proprio.

Infine una rapida considerazione sui veicoli a trazione integrale. Indubbiamente la loro capacità di trazione li rende più adatti e certamente più sicuri in queste condizioni , attenzione a non farsi prendere la mano dalla sensazione di sicurezza che infondono, potrebbe essere estremamente pericoloso. Un capitolo a parte meriterebbe la trattazione sull’ utilizzo dei veicolo Fuoristrada troppo spesso usati a sproposito come mezzi ideali per la marcia su fondi innevati e ghiacciati .Proprio le loro caratteristiche costruttive,la rilevante massa,l’alto baricentro ed altro ancora li rendono poco idonei ed anche,entro certi limiti, molto meno sicuri delle vetture a trazione su un unico asse.

Per approfondire clicca sul link seguente:

Come si affrontano il ghiaccio e la neve