Questo sito contribuisce alla audience di

Bleuette la poupèe preferita dai francesi

Prodotta dal mese di febbraio 1905 fino agli inizi del 1960, con due occhioni enormi ed uno sguardo da sognatrice, Bleuette è una delle bambole più famose ed amate della Francia. Sono passati più di cento anni dal suo ingresso sul mercato, ma quasi tutte le migliori imprese artigiane francesi, specializzate nella creazione di bambole d'epoca, continuano ad omaggiarla proponendo pregiate riproduzioni, in edizione limitata.

Le prime bambole di Bleuette sono conosciute come le “Premiere Bluette” o le “BleuEtte Jumeau”. Queste bambole vennero realizzate appositamente dalla S.f.b.j (Societe Francaise de Fabrication de Bebes et Jouets) per la campagna di lancio di “La Semaine de Suzette”, una nota rivista settimanale d’intrattenimento per ragazze.
Ideate come gadget promozionali, le bambole venivano regalate alle lettrici che sottoscrivevano un abbonamento per un anno alla rivista. I risultati della campagna promozionale, furono, a dir poco, sorprendenti: la rivista aveva preventivato 20.000 abbonamenti, le bambole non bastarono perché vennero presentate 60.000 domande di abbonamento. Per Bleuette iniziò così la scalata al successo. La popolarità della bambola si rafforzò, notevolmente, anche grazie ad un’apposita rubrica presente nella Semaine de Suzette, intitolata ” Nous habillons Bleuette”, che proponeva, settimanalmente, sia degli abitini già confezionati da acquistare per posta e sia dei cartamodelli per cucire abiti destinati alla bambola.

Dimensioni, materiali e caratteristiche di Bleuette

La produzione delle Premiere Bleuette venne affidata al noto produttore di bambole Jumeau.Queste prime bambole, con la testa in porcellana ed il corpo congiunto in composition, erano alte 27 cm, portavano una parrucca di capelli umani, avevano occhi blu dipinti, sopracciglia marcate ed una bocca atteggiata a sorriso che lasciava intravedere quattro dentini. La seconda versione di Bleuette venne, invece, prodotta dalla Fleischmann Bloedel, dal 1905 al 1914, usando un modello tedesco. La versione degli anni quaranta e cinquanta, contrassegnata dal numero 301, attualmente è la più ricercata dai collezionisti. Le bambole, alte 29 cm, con la testa ed il corpo congiunto in composition, avevano le guance colorate di un rosso ardente, una boccuccia molto luminosa, occhi di vetro color blu, nocciola o nero, fissi o dormienti, capelli in mohair, una simpatica fossetta sul mento ed un piccolissimo puntino rosa sotto le narici. Alcuni modelli di Bleuette.

Aziende produttrici:Bleuette inizialmente venne prodotta e commercializzata dall’azienda S.f.b.j, dalla Fleishmann e Blodel ( insieme alla S.f.b.j) e dall’UNIS. Con l’incremento della sua popolarità, venne prodotta da tutte le aziende francesi specializzate nella produzione di bambole

La famiglia di Bluette: Una famiglia di bambole composta da Benjamine la sorellina minore, prodotta nel 1926, che durò pochissimi anni sul mercato, Rosette la sorella maggiore prodotta tra il 1955 ed il 1960 e da Bambino un bèbè dal ricco guardaroba da neonato, prodotto nel 1928, che riscosse lo stesso successo di vendite di Bleuette.
Libri: In Francia sono stati scritti molti libri dedicati alla bambola. Il piu’ famoso e completo è “Bleuette: son trousseau de confection Gautier-Languereau, 1905-1960 ” scritto da Monique Couturier e da Samy OdinBecassine è una morbida bambola di pezza che quest’anno spegne le candeline del suo centenario insieme a Bleutte.

Becassine

Becassine è una morbida e storica bambola di pezza nata contemporaneamente a Bleuette, nel febbraio del 1905, come personaggio femminile di un mini-racconto illustrato, pubblicato sul primo numero della Semaine de Suzette. La sua nascita si deve al caso o, forse è meglio dire, ad improvvise esigenze d’impaginazione. Ideata, per riempire uno spazio rimasto libero sulla rivista, da Henri Eugéne Gautier (conosciuto anche con lo pseudonimo Caumery) direttore e socio della Semaine de Suzette, nonché ideatore della campagna pubblicitaria di Bleuette, la dolce Becassine incontro’ subito i gusti del pubblico, diventando in pochi anni una beniamina popolare, ancora oggi ben presente nella memoria collettiva francese. Becassine rappresentava una governante bretone, dalle forme generose, temeraria, simpatica e determinata, un personaggio dalle mille avventure, con un’identità positiva che comunicava valori importanti come l’amicizia, la solidarietà e la generosità. Un tenero miracolo stampato su una marea di gadgtes, pubblicato su tantissimi libri per ragazzi e trasformato in una buffa bambola di stoffa ricca di abiti ed accessori. Oggi il valore di una bambola antica di Becassine si aggira intorno ai $100.

quà

Argomenti