Questo sito contribuisce alla audience di

Ball Jointed Dolls

Le BJDs, acronimo di Ball Jointed Dolls, sono bambole estremamente posabili e dotate di una straordinaria mobilità articolare, ottenuta mediante una serie di snodi circolari alle giunture che permettono loro qualunque tipo di movimento. Con la loro grazia malinconica e le fattezze acutamente caratterizzate e al tempo stesso tutte vagamente simili, sono quasi perfette nella loro algida bellezza.

Le BJDs, pensate e create da artisti e designer che si rivolgono agli appassionati di bambole più sensibili ed esigenti, vengono prodotte prevalentemente nei paesi asiatici (in particolar modo in Giappone e nella Corea del Sud), quasi sempre  in numero limitato di 100, 50, o addirittura 10 esemplari.
Le BJDs  si possono anche  assemblare. Infatti, quasi tutte  le aziende produttrici  permettono ai loro acquirenti di personalizzare la propria bambola, scegliendo, secondo i propri gusti,  il colore degli occhi, la tonalità della pelle, la posizione delle mani e dei piedi (che sono intercambiabili), il  make-Up, il colore dei capelli e l’acconciatura. Ma non finisce qui!  Pensata appositamente per   i piu’  creativi, c’è anche una versione  “nature”  venduta in kit da assemblare, dipingere e personalizzare con il proprio stile preferito. 
La maggior parte di queste bambole viene realizzata in resina di poliuretano, un materiale che per la sua delicata luminosità ricorda la bellezza della porcellana ma che presenta un inconveniente tipico di molte resine sintetiche: con il passare del tempo, l’esposizione ai raggi UV tende a farlo ingiallire. Un’alterazione estetica che, logicamente, diventa significativa se prodotta in una parte visibile della bambola. Per ovviare a questo inconveniente alcune aziende produttrici utilizzano il vinile. Tra i più noti esempi di BJDs in vinile: le Volks Dollfie Dream/DDII e le le Obitsu di 60 cm. A parità di prezzo la BJDs in vinile è meno costosa rispetto a quella in resina di poliuretano, perché richiede metodi di lavorazione meno complessi.
Pur essendo ricco di soddisfazioni ed emozioni, quello delle BJDs è sicuramente un hobby molto costoso. Sul fattore prezzo incide il fatto che si tratta di un prodotto realizzato e dipinto interamente a mano e curato scrupolosamente in ogni piccolo dettaglio. Tradotto in numeri significa che le BJDs partono da un minimo di 250$ fino a cifre altissime per le versioni limitate e/o datate. Ad avere prezzi molto elevati non sono solo le bambole, ma anche i loro vestiti ed accessori, spesso creati da veri e propri stilisti che delle BJDs hanno fatto prima una passione e poi un business.

La prima azienda, in Giappone, a lanciare sul mercato le BJDs è stata la Volks Inc.(a riguardo vedi il mio articolo Dollfie
Nel giro di pochi anni, oltre ad aggiudicarsi importanti risultati a livello internazionale per il lancio delle “Super Dollfie” e a guadagnare la reputazione di azienda produttrice di prodotti di qualità, la Volks ha raggiunto un fatturato annuo di circa 3.2 milioni di dollari. Un fatto che sorprende molto considerando che le bambole costano dai 300 ai 2000 dollari l’una.
La popolarità delle Super Dollfie, ha spinto molte altre piccole imprese asiatiche a produrre e vendere le BJDs. Attualmente, esistono modelli di BJDs, realizzati in vari formati e proporzioni, prodotti da case produttrici diverse. Tutti di eloquente bellezza ma ognuno unico nel suo genere, perché la filosofia delle aziende che producono le BJDs poggia su quattro virtù fondamentali: qualità, arte, innovazione e tradizione.
Tra le aziende più popolari vorrei ricordare: la Luts/Cerberus Project, la Customhouse, l’Alchemic Labo, la Blue Fairy, la Dollshe, la Dream of Doll, la Souldoll, l’ Hypermaniac, la Dollmore, la Serendipity e l’ Elfdoll.

Attualmente, il mercato delle BJDs è in continua espansione. Sceglierne una fra la moltitudine di modelli presenti sul mercato è compito arduo.
Per fortuna esiste un sito guida nato per far luce sugli elementi chiave che possono far differire un modello dall’altro e per aiutare i meno esperti a sviluppare un proprio giudizio critico esente da abbagli.

Giggle Geek è il sito che  mette a disposizione degli utenti gli indirizzi delle diverse case produttrici insieme ad un catalogo online con le immagini dei corpi e dei volti delle BJDs ed i relativi prezzi.