Questo sito contribuisce alla audience di

Tressy - Grow Hair Doll

Dagli Stati Uniti all'Italia, gli anni Sessanta furono, dal punto di vista della moda, sicuramente interessanti ed appassionanti. I giovani rifiutavano totalmente i modelli esistenti e cercavano forme nuove per chiudere con il passato. Erano gli anni in cui la moda cambiava tanto per cui anche le acconciature seguivano questo trend, erano gli anni in cui la parrucca veniva vista come un'integrazione del completo vestito-scarpe.


E’ in questo clima culturale che nacque Tressy, una fashion doll innovativa rispetto ai canoni dell’epoca. Ideata dai due designer Jesse Deane e sua moglie Diana, Tressy venne lanciata sul mercato, nel 1964, dall’azienda inglese Palitoy Toy Company.
L’elemento di novità e originalità che la contraddistingueva era il cosiddetto “Secret Strand”, un apposito meccanismo che permetteva di allungare o accorciare la lunghezza dei capelli, in modo reversibile. Lo slogan “But HOW does Tressy’s hair grow?” lanciato dall’azienda produttrice diventò, in quegli anni, un vero tormentone.
Malgrado il grande successo commerciale, la bambola ebbe una vita molto breve. La sua produzione venne, infatti, interrotta dopo pochi anni, per il fallimento della Palitoy Toy Company. I diritti di Tressy furono acquistati inizialmente dalla American Character e in seguito dalla Ideal Toy Corporation, ma la bambola non venne mai più proposta sul mercato nella sua versione originale.
Con Tressy scoppiò il boom delle bambole dai capelli estensibili. In quegli anni, i produttori di giocattoli fecero a gara nel produrre bambole sempre più belle, corredate di shampoo e accessori da toilette.
Oggi le prime Tressy hanno assunto un alto valore commerciale e sono estremamente rare da reperire. Anche i vestiti, gli accessori e la chiave che metteva in moto il meccanismo del “Secret Strand” sono ricercatissimi, soprattutto da quei collezionisti che hanno trovato la bambola priva degli accessori originali. Super richiesta dai collezionisti e dagli amatori di Tressy è anche la sua versione afro-americana, che pur essendo ottenuta dal prototipo caucasico è comunque molto bella.
- Tress, Our Girl About Town
- Family in the attic