Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

« precedenti 10
  • Thomas Edison e la prima bambola parlante

    L’Ottocento fu un secolo ricco di innovazioni e importanti scoperte scientifiche. Eppure, prima della fine del 1877, una bambola parlante sembrava ancora un sogno irraggiungibile.

  • Bambole in cartapesta

    Le bambole in cartapesta rappresentano un ghiotto mercato per i collezionisti, sia per la loro antichità che per la particolare composizione adottata per realizzarle.

  • Bambole di cera

    Anche se in Europa l'utilizzo della cera a fini artistici risale al Medioevo, le prime notizie sul suo impiego nella produzione di bambole risalgono agli inizi del XVIII secolo. Le prime bambole avevano la testa e gli arti di cera solida, il corpo di stoffa imbottita, gli occhi di vetro ed i capelli naturali. Broccato, pizzo, merletto, velluto, damasco, cremesino, zetanino, raso e taffetà venivano impiegati per confezionare gli abiti che venivano cuciti interamente a mano.

  • Mini creazioni per macro emozioni

    “La sfera ludica è una proiezione del mondo della vita quotidiana; questo mondo reale è miniaturizzato o ingigantito fino a mettere in discussione il legame tra materialità e significato” Susan Stewart

  • Le antenate delle modelle

    Le bambole Pandòra, nate nel XVIII secolo, oltre ad una funzione estetica, svolgevano anche il ruolo di ambasciatrici delle tendenze sartoriali della moda.

  • Casa Furga

    In alcuni documenti datati al primo ventennio del Novecento, la Furga, nota azienda di bambole e giocattoli, veniva citata con queste parole: "Produce in ispecie bambole di cera e biscuit che sono molto ricercate in commercio per la loro ottima fabbricazione".

  • Armand Marseille e le sue bambole

    Da piccolo fabbricante di componenti per bambole di porcellana ad autentico nome di culto per i collezionisti e gli amatori di tutto il mondo.

  • I Bebè Caractères

    Tra il 1900 ed il 1915, con un incredibile crescendo di successi, la Germania diventò un paese leader nell’industria del giocattolo e della bambola, anche grazie al lancio sul mercato di un modello di bambola, decisamente innovativo per l’epoca.