Questo sito contribuisce alla audience di

Scultura ad ago: il naso

Come scolpire ad ago il naso in una bambola di pezza: varie tecniche, vari livelli di difficoltà, ma risultati sorprendenti

Scolpire un naso verosimile in una bambola di stoffa, fa si che essa sia più espressiva, più “viva”. Meglio utilizzare un morbido tessuto, un’ottima imbottitura, ago lungo e il normale filo da cucire bianco. Io ho preparato svariati diagrammi per spiegare direi visivamente come si può scolpire il naso, anche perchè adotto vari medodi. Il più semplice è il naso a “pallina” che ha la bambola Margherita, ma qui non si tratta di scolpire ad ago, mentre per le bambole: Toddler baby, Poseable baby, Maggie, Lilly, La vecchina (quest’ultima la vedete in foto), ho adottato vari metodi. Le spiegazioni per scolpire la bambola ad ago sono in italiano, e tramite diagrammi esplicativi dove vedete i passaggi dell’ago è facile apprendere. Il più semplice?
Direi il naso di Lilly e Melissa (collezione Costuiamo una favola) poichè hanno solo due punti di tiratura dei fili per formare le narici. La bambola Maggie direi passa ad un livello medio con la formazione del setto nasale e delle narici. Le bambole Toddler baby, Poseable Baby, e la Vecchina, hanno un naso verosimile e la tecnica è per le più esperte. Il segreto, per esempio per fare il setto nasale, è affondare l’ago nell’imbottitura interna per poi sollevarlo tirando i fili,  tendendoli. E’ molto importante quando si scolpisce il naso imparare a tenere in tensione il filo, non è difficile, ma essenziale. Il passaggio per formare le narici è molto semplice ma a volte non subito si apprende come muovere l’ago. Nella foto vedete proprio questo passaggio. L’ago proviene dall’interno e dall’inizio del setto nasale ed esce dal punto della narice, e in due punti laterali segnalati nel diagramma che si riporta nel volto con il metodo degli spilli, lavora per formare la narice, come se si facesse un punto margherita molto allargato. Una volta terminato di scolpire il naso, si passa e si ripassa il filo internamente dai due punti superiori del setto nasale per fermarlo in tensione. Poi si modella ad ago, per migliorarne l’aspetto.
Se vi appassiona l’idea di imparare è ideale partire dai più semplici: Lilly e Melissa. Il resto verrà da se come è successo a me.
Rossella Usai

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati