Questo sito contribuisce alla audience di

Margarita

Bambole di pezza: creiamole con le nostre mani

Nel 2000 la rivista “Creativa” pubblicò in copertina la bambola Margarita che è stata una delle prime bambole che ho realizzato. In copertina c’era scritto: Bambole di pezza - Creiamole con le nostre mani. All’interno della rivista, 10 pagine erano dedicate a “Diamo vita a Margarita” con i piccoli segreti i materiali adatti, ben 9 disegni esplicativi, 15 foto dei passaggi manuali e naturalmente le istruzioni ed il cartamodello. Ricordo che fui soddisfatta e felice, specie del fatto che tramite tutta questa serie di disegni e sequenze fotografiche, le lettrici con chiare indicazioni, realizzarono Margarita, e molte mi scrissero. Questo per sfatare l’idea che realizzare una bambola di pezza sia estremamente complicato e dedicato solo alle super esperte. Ho pensato di riproporre Margarita a voi tramite queste pagine nella parte esplicativa, in vari interventi, correlati ciascuno da una foto, allo scopo principale di introdurvi nel mondo del “Dollmaking” direi passo passo. Una guida rivolta a chi vorrebbe iniziare a dedicarsi anche o solo a questo hobby, ma magari teme sia troppo impegnativo.
Margarita è una bambola di pezza particolare perchè scolpita ad ago, tecnica che consente di rendere verosimile il corpo e il volto. L’espressione è molto “viva” grazie a questa tecnica e io ho vestito la bambola con un abitino country American style che l’ha ulteriormente valorizzata.
Nei successivi interventi tratterò alcuni degli argomenti che fanno parte delle istruzioni per realizzare Margarita, tra essi ho scelto: l’imbottitura, il volto, il naso, la bocca, i capelli, la scultura delle mani. Se troverete interessante l’idea di provarci anche voi, vi segnalo il link dal quale potete richiedere il modello della bambola.
Rossella Usai

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati