Questo sito contribuisce alla audience di

Antonella Nanti e l'amore per le bambole

Un hobby non comune in Italia ma che sta entrando anche nel nostro cuore

Antonella NantiTramite internet io ho avuto modo di conoscere, di fare amicizia e di allargare le mie esperienze, e ho recentemente conosciuto Antonella Nanti.
Ve la voglio presentare:
” Ho sempre amato i lavori artistici femminili, in particolare il cucito, tutto ciò che riguardava ago e filo mi appassionava. Poi, dieci anni fa, quando le mie figlie erano ancora piccole, ho iniziato a fare bambole per loro, perché mi sembrava dolcissimo che una madre potesse creare da sé bambole per i propri figli.
Ho frequentato un corso tenuto nella mia città dalla ditta svizzera Glorex attraverso la sig.ra Gabi Paroder, imparando a così a creare le loro bellissime bambole per bambini.
Ho poi continuato, spinta dalla curiosità di voler provare altri stili e tecniche, utilizzando anche materiali di qualità ma semplici, non specifici per bambole. Adoro creare sempre nuovi tipi di bambole, anche se le mie preferite sono quelle specifiche per l’infanzia. Dopo anni di mercatini e mostre, ultimamente mi sono aperta all’insegnamento del Dollmaking nella mia città, Varese, nella quale questa fantastica Arte non è molto conosciuta né seguita. Per questo motivo sono davvero orgogliosa che il Comune di Varese, la città in cui vivo, abbia inserito nell’elenco di Varesecorsi il Corso di Cucito Creativo “Le Bambole di Stoffa”, da me gestito. Organizzo anche altri tipi di corsi, sempre a livello amatoriale, come ad esempio il “DOLL-PARTY”, un pomeriggio organizzato al domicilio di chi lo desidera, in compagnia delle proprie amiche.
Il Dollmaking in Italia, a differenza di altri paesi esteri nei quali realizzare in casa bambole di stoffa fa parte della loro tradizione, è ancora un hobby di nicchia, un hobby non comune, ma grazie ad Internet vediamo che è in grande espansione e che appassiona sempre più chi ama cucire così come chi non ha mai cucito in vita sua. Da quando ho scoperto il favoloso ed immenso mare di Internet, dove è possibile prendere innumerevoli spunti creativi guardando i bellissimi lavori creati dalle altre dollmakers, sono presente nel web anche con i miei siti che vi segnalo. Attraverso questi siti, accompagno le giovani creative che si cimentano in questa bellissima arte e che mi chiedono consigli ed informazioni . Ho creato anche un “ritrovo di dollmakers, (che vi segnalo), un club amatoriale libero e gratuito dove è possibile confrontarsi con altre appassionate di dollmaking, pubblicare le foto delle proprie creazioni, ottenere informazioni e consigli e soprattutto trascorrere momenti rilassanti e piacevoli, creando amicizie in rete e sentendoci molto vicine e solidali; è un modo per uscire dalle nostre case, dove solitamente realizziamo le nostre bambole con l’unica compagnia della nostra macchina da cucire, e dove a volte ci troviamo di fronte a problemi o dubbi difficili da risolvere da sole. Ti ringrazio, Rossella, per la tua preziosissima Guida in Supereva, la tua presenza nel web, e per la possibilità che ci offri di diffondere questo grande sogno creativo. Ritengo che il Dollmaking sia un’Arte davvero versatile, in cui è possibile combinare le diverse tecniche artistiche (cucito, ricamo, crochet, tricot) al fine di realizzare le nostre idee e ottenere risultati inimmaginabili. Credo anche che non sia solamente un’Arte creativa, ma possegga un vero valore terapeutico per l’anima, perché creare bambole scalda davvero il cuore.”
Grazie a te Antonella sono contenta di diffondere questa tua intervista, che gentilmente mi concedi, perchè sarà sicuramente importante per chi già ama questo hobby creativo o per chi vorrebbe cimentarsi…
Rossella Usai

Ultimi interventi

Vedi tutti