Questo sito contribuisce alla audience di

INTERVISTA A LELE FRIGNANI,ANIMA DELL'ITALERI BOLOGNA

Intervista al mitico Lele Frignani,anima dell'Italeri Bologna campione d'Italia 2003.

Mancano poche settimane all’inizio della stagione ed è tempo di sentire cosa
ne pensano i protagonisti del campionato che sta per arrivare.

A questo proposito, abbiamo contattato Lele Frignani della Italeri Bologna.
Da anni è uno dei migliori giocatori del panorama italiano, apprezzatissimo
dalla tifoseria felsinea e rispettato dagli avversari.

Ciao Lele, a cosa punta la Fortitudo Italeri Bologna nel 2004?

Ti sembrerà una risposta scontata ma puntiamo a tutto,a partire dalla
Supercoppa italiana in programma il 10 Aprile,come a rivincere la regular season
che equivale a Coppa Italia…(ti posso assicurare che vincere è una grande
soddisfazione ed è per questo che non vogliamo “mollare” niente) e
penso che la società stia provando ad aprire un ciclo!

E’ chiaro che il sogno è riportare il trofeo europeo in Italia (manca veramente
da troppi anni)ma non si può nemmeno programmare tutta una stagione per una
competizione che ha una durata di una sola settimana…in più abbiamo lo
scudetto sul petto e faremo di tutto per onorarlo

Cosa ne pensi dei nuovi acquisti italiani della tua squadra?

Credo che la società si sia mossa molto bene sul mercato prendendo tre
giovani ottimi giocatori.

So che di Pantaleoni sei un super-tifoso (lo sono anch’io) e credo che si
ambienterà molto bene anche nel ruolo di esterno!

Anche Ghesini e Bazzarini saranno fondamentali per raggiungere gli obiettivi
sopracitati.

Chi vedi come favorite nella stagione che sta per cominciare?

E’ veramente difficile rispondere chi sarà il favorito del 2004,vedo sempre
più squadre in lotta per un posto nei play-off…

comunque bisogna prima vedere i roster completi di tutte le squadre (stranieri
compresi) prima di poter esprimere un parere.

ma di una cosa sono sicuro:la FORTITUDO ITALERI farà di tutto per vincere.

Qui si conclude la chiacchierata con Lele Frignani, bandiera felsinea e degno
erede di quel Matteucci che ha appena appeso gli spikes al chiodo.

Un ringraziamento per la collaborazione offerta è giusto che vada all’amico
Marco Landi, addetto stampa della Fortitudo Italeri Bologna campione d’Italia.

Link correlati