Questo sito contribuisce alla audience di

Il Querceto

Nel cuore della Val D'Agri...

Gentili signori,
sono una Azienda Agricola che coltiva ed alleva secondo il metodo dell’agricoltura biologica; mi trovo in una splendida valle, quella del fiume Agri, in terra Lucana.
Questa regione d’Italia per molti è difficile da localizzare con immediatezza, ma da poco abbiamo dato prova di carattere e chi non ci conosceva ancora, ci ha conosciuto per una particolare “intolleranza” alle scorie nucleari.
La responsabile dell’Azienda “Il Querceto” Francesca Leggeri, ha deciso da qualche anno di dedicarsi anima e corpo alla mia conduzione. Sono perciò una giovane Azienda, sebbene già da dieci e più anni, qui in Lucania ho messo le prime radici per quell’attività collaterale che è l’ospitalità agrituristica.
Nessuno sapeva bene cosa fosse un agriturismo, nemmeno le Amministrazioni locali erano pronte alle “stravaganze” dell’ intrepida signora Nancy Musacchio, la mia fondatrice; per cui è stato tutto un cammino in salita, con grande impiego di coraggio, pazienza, risorse e olio di gomiti.
Finalmente oggi sono ormai a regime. Francesca, la figlia di Nancy, è davvero in gamba, una di quelle giovani imprenditrici donne che tanto piacciono all’UE.
Ho un posto in tutte le guide del settore, ed un articolo nelle più diverse riviste. Sono un riferimento per molti che cercano anche una vacanza per lo spirito. Per questo “Il Querceto” non è solo un agriturismo, ma è il simbolo positivo di un’esperienza di successo che propone un rapporto innovativo con il territorio. Oltre ad offrire ospitalità agrituristica, diamo lavoro a manodopera extracomunitaria e non, coltiviamo dei terreni che ormai solo pochi anziani del luogo riconoscono degni delle proprie fatiche, alleviamo il bestiame sotto il cielo, e curiamo il bosco, in modo da donare ai nostri ospiti un’esperienza forte come un ricco abbraccio di energia della natura.
Da qualche tempo uno strano animale a sei zampe, mai visto prima sul mio territorio, dagli orribili colori giallo, nero e rosso, che sottolineano il pericolo, ha invaso il territorio lucano con il terribile obiettivo di far passare un oleodotto che mi attraverserà.
Avviene il disastro!
Con lettera del 20/11/03 e del 17/12/03 l’ENI S.p.A. nell’ambito di coltivazione di idrocarburi, così come concesso dal Ministero dell’Industria del Commercio e dell’Artigianato, mi comunica di aver deciso che una striscia di terreno larga ben 33,9m. circa, lunga 719m. e profonda 1,5m. sarà interessata per i lavori di stesura di un oleodotto che collega i pozzi di estrazione all’area innesto del Centro Olio. Una superficie di circa 2,5h. rasa al suolo, e circa 36.500m. cubi di terreno totalmente sconvolti.
Per il passaggio dell’oleodotto saranno sacrificati una parte di bosco, un oliveto, un vigneto, i prati e i pascoli permanenti, i campi coltivati a cereali e a fagioli di Sarconi (IGP), e saranno interrotte le recinzioni per il bestiame ed il paddock per cavalli. Verranno inoltre sconvolti ed alterati la struttura e la tessitura del terreno, il profilo e le pendenze e sarà deviato il corso naturale delle sorgenti superficiali e sotterranee.
Ho le idee chiare su cosa è una Azienda Agricola Biologica, ho fatto un’esperienza lunga in questo campo, ma a volte dopo le visite dell’ENI S.p.A. mi viene una gran confusione.
Mi è stato detto che Francesca per poter tagliare a regola d’arte dal suo bosco un pò di legna da ardere, deve richiedere l’autorizzazione dietro presentazione di un gran bel mucchio di documenti, e non è sempre facile averla. Invece l’ENI S.p.A. taglierà completamente interi boschi che non potranno più essere ripiantati finchè l’ENI vorrà. C’è qualcosa che non mi è chiara, come Azienda Agricola ho la funzione ed il compito di salvaguardare il territorio e l’ambiente e per farlo devo perdermi nei labirinti delle norme. E invece l’ENI, che distrugge il bosco in nome di sa quale utilità, va giù tranquilla con l’aiuto delle norme! L’azienda agricola a fatica oggi mantiene un’economia da pochi riconosciuta e quindi aiutata.
[…]
La Lucania una volta era famosa per le sorgenti di acqua, per la bellezza delle montagne e dei boschi, da domani grazie all’ENI S.p.A. la Valle dell’Agri sarà famosa per il petrolio. E l’Azienda Agricola Biologica “Il Querceto” spenderà la misera indennità di servitù ricevuta dall’ENI S.p.A. per chiudere l’attività e abbandonare la montagna.
Permettete che adesso sia io, Francesca Leggeri, titolare dell’Azienda, a prendere la parola. L’ipotesi di chiudere, perché ciò sarò costretta a fare, è per conto mio inaccettabile. Avendo riposto una enorme fiducia nell’Agricoltura Biologica, sia per passione che per scelta d’impresa, chiedo (a chi si fa garante dei principi e del metodo biologico tramite il controllo e la certificazione ad ICEA, quale Organismo di Controllo, e all’AIAB, quale Associazione dei Produttori agricoli biologici) una risposta che soddisfi un quesito tecnico ed etico: come è possibile conciliare l’ecosostenibilità di un territorio con la sua devastazione certa? Come conciliare l’esistenza di una Azienda Agricola Biologica con la costruzione di un oleodotto?

Azienda Agricola “Il Querceto” & Francesca Leggeri

Link correlati