Questo sito contribuisce alla audience di

Associazione Culturale Presenza Lucana - Taranto

Grotta dei Vucculi – Muro Lucano

Dopo la presentazione del testo Mediterraneo, continuano i “Venerdì Culturali di Presenza Lucana”, con un avvincente appuntamento che fa parte della cartella “Alla scoperta delle nostre origini”. L’incontro si svolgerà presso la sede di Via Veneto106/A, con inizio alle ore 18.45 ed ingresso libero.
Il punto da cui parte questo ritorno al passato, è Muro Lucano, e le ricerche effettuate da un gruppo di speleologi nelle viscere della montagna per scoprire un paesaggio carsico, il monte Parietello.
“Vucculi” è il nome che è stato dato alle grotte scoperte, nelle quali i soci “entreranno” con un filmato realizzato dal Gruppo Speleo di Statte, impegnato da 10 anni nello studio di questo processo carsico che custodisce scenari d’incredibile bellezza.
La Basilicata per la sua conformazione geografica è un territorio pieno di grotte naturali, molte delle quali sono servite da rifugio e da casa in periodi passati. La parola grotta nel catasto si ritrova inserita molte volte in ogni comune. A Maratea, ad esempio, di grotte ne sono indicate ben 112.
E’ intorno al Monte Parietello di Muro Lucano che, negli ultimi anni, gruppi di ricercatori e speleologi hanno trovato dei percorsi carsici e dato vita ad uno studio e ad un progetto per rendere fruibili, a tutti, le grotte dei Vucculi, di notevole attrattiva.
Muro Lucano, conosciuto per il suo borgo, uno dei più belli d’Italia, e per il turismo religioso, intorno alla figura di San Gerardo, spera di avere, dalle grotte, un ulteriore richiamo turistico.

 
Fin dal 1996, il Gruppo Speleo Statte, spinto da un’appassionante voglia di scoperta inizia una serie d’esplorazioni mirate a proseguire un lavoro di conoscenza e di studio iniziato dai colleghi speleologi emiliani (GSPGC) nel 1993. Ma c’è un altro obbiettivo importante da raggiungere, giungere dove gli altri non sono arrivati e in altre parole rilevare la congiunzione tra la Vucculi e la Volpe, congiunzione che darebbe al sistema sotterraneo il primato di complesso carsico più vasto della regione Basilicata fino ad ora esplorato. Ora la più lunga è la grotta “Castel di lepre” a Marsico Nuovo (PZ) con i suoi 1846 mt. di sviluppo planimetrico.
In 10 anni di ricerche il gruppo diviene un punto di riferimento per l’attività speleologica a Bosco Grande e s’integra con la comunità.  
L’APT della Basilicata, da alcuni anni, ha già inserito nel percorso turistico della Basilicata le grotte, pur non essendoci alcuna possibilità di visitarle.
E’ grazie al Gruppo Speleo di Statte che, presso l’associazione Culturale Presenza Lucana, sarà possibile assistere ad un documentario di 18 minuti d’emozionante visita nelle due grotte per ammirarne, per la prima volta, la bellezza.
I relatori dell’incontro saranno l’Ing. Giacinto Cosimo Gentile, Angelo Miccoli e Dino Grassi. Parteciperà all’appuntamento l’Associazione Culturale “Amici della montagna” di Muro Lucano con il suo Presidente Gerardo Frassino, ed una delegazione d’amici muresi.

 

Michele Santoro
Presidente Associazione Culturale Presenza Lucana

 

Il logo è di proprietà dell’Associazione Culturale Presenza Lucana ed è opera del Prof. Giuseppe Ferrara