Questo sito contribuisce alla audience di

New York: finalmente qualche cosa di positivo!

Ci sono novità da Totò McDyess: ancora in voce "unofficial" si parla di un suo possibile rientro per l'opener...

Beh, homiez, quando ho letto la news sul sito di nba.com non ci volevo credere. Anche a NY è arrivata finalmente una notizia positiva. Forse vedremo anche con la maglia arancio blu il buon caro vecchio Antonio McDyess, il lungo acquisito nell’estate 2002 da Denver. Ma andiamo per ordine…

2001: primi problemi al ginocchio sinistro per Antonio McDyess, giocatore “olimpico” a Sidney 2000. Il ritorno dalle olimpiadi ci aveva lasciato un’ala da quasi 21 punti e 12 rimbalzi abbondanti. Poi problemi al tendine del ginocchio sinistro e prima volta sotto i ferri. La stagione 2001/2002 si riduce a solo 10 timide apparizioni, prima di chiudersi quando si era capito che i Nuggets avevano “calato le braghe”, e quindi era inutile rischiare per nulla. Durante l’estate il passaggio a NY, in cambio sostanzialmente di Nenè Hilario e Marcus Camby.

2002: i propositi di rivincita, di portare i NYK ai PO assieme a Houston e Spree, si infrangono alla 3° partita di pre season. Il ginocchio fa nuovamente crack, sempre il solito sinistro. Altra operazione e iniziano i primi “gufaggi”: non tornerà più in campo, il ginocchio è andato…

Aprile 2003: le voci si fanno sempre più cupe, nonostante i medici parlino sempre di “infortunio che non pregiudica la carriera”. Terza operazione allo stesso ginocchio, per sistemarlo ancora. La stagione 2002/03 era ormai un ricordo lontanto, coi Knicks tristemente anonimi e fuori dai PO.

Finalmente nei giorni scorsi, dopo 3 operazioni in 19 mesi e molti dubbi, sembra che siano arrivate le prime buone nuove: da sottobosco si mormora che l’ex ‘Bama sia pronto e deciso a rientrare a metà del training camp, in modo da essere presente per l’opener della stagione. Naturalmente manager e giocatore si sono resi irreperibili, e da NY nessuno osa confermare, riservandosi eventuali newz “later in September”.

In ogni caso speriamo tutti di rivedere un giocatore almeno vicino a quell’incredibile atleta che era ai tempi belli di Denver. Facendo gli scongiuri contro le solite malelingue che vorrebbero un’altro caso Hill…

TeoPaz.

Le categorie della guida