Questo sito contribuisce alla audience di

Vigor Lamezia-Benevento 1-2

2° giornata di campionato 2007-2008: Prima trasferta per gli uomini di Simonelli in questo campionato 2007-2008 e primo expoit esterno!

Nuova pagina 1

Il Benevento ricomincia da dove aveva concluso: infatti si ritorna al
D’Ippolito di Lamezia, 4 mesi dopo l’effimera vittoria con lo stesso punteggio,
nell’ultima trasferta del torneo 2006-2007, perso 2 volte: la prima nella
regular season di un punto a favore del Sorrento, la seconda ed in modo
scellerato, nella finalissima del 17 giugno al Santa Colomba con il Potenza.
Altra storia, questa volta il Benevento è partito con i favori del pronostico e
da molti indicato come la “corazzata” di questo campionato, e possiamo dire che
nelle prime 2 uscite la squadra, più ieri, che nel debutto, ha dimostrato e
confermato di poter ambire a questo ruolo; infatti la gara in terra calabrese ha
messo in evidenza il fatto che gli uomini di Simonelli, domenica dopo domenica,
cominciano a prendere confidenza con il ruolo indicato in pre-campionato e
stanno prendendo coscienza dei propri mezzi e della propria forza. 4 cambi del
professore di Saviano rispetto a 7 giorni fa in formazione: ritornano in campo
scontata la squalifica Martinelli e Castaldo F., e prendono il posto
rispettivamente di Ferraro e Di Fiordo, a centrocampo spazio per Vagnati che
sostituisce Agnelli, protagonista di una prova incolore nella prima uscita
stagionale, dopo buone gare in Coppa Italia, e Tufano che si và a posizionare
sulla sinistra al posto di Masciantonio. Per il resto tutto confermato anche in
attacco dove la coppia delle meraviglie Clemente e Gigi Castaldo affinano sempre
meglio la loro confidenza.

Primo tempo

Primo tempo con il Benevento a fare la partita e con la Vigor che prova a dare
il tutto per tutto per non sfigurare al debutto davanti ai propri sostenitori:
una Vigor molto rinnovata, rispetto allo scorso anno infatti sono nuovi 6/11
della squadra titolare, rimasta orfana di pedine fondamentali, quali Alessandrì
passato alla Cisco e Sergi passato al Varese, sui quali si impostava tutto il
gioco della squadra calabrese, ed ora chiaramente alla ricerca di una nuova
amalgama tra i nuovi e i vecchi calciatori, cosicché i giallorossi prendono
subito il possesso del centrocampo grazie alla buona prova al rientro di Vagnati
che orchestra le giocate insieme all’inesauribile Cinelli. Sulle fasce meglio
capitan Imbriani che Tufano, ed è proprio sui piedi del tornante di Ceppaloni
che capita la più ghiotta occasione dei primi 45 minuti, quando innescato da
Clemente in profondità si ritrova a tu per tu con Furlan senza riuscire a
sbloccare il risultato. Ci prova anche Clemente con una punizione delle sue, ma
anche in questo caso è bravo Furlan a respingere. Un solo brivido invece per la
retroguardia sannita, sempre ermetica grazie alle chiusure dei 2 centrali
Landaida e Castaldo, che all’inizio della partita permette a Loria di ritrovarsi
sottomisura a poter calciare verso Gori che ci mette una pezza.

Secondo tempo

Nel secondo tempo è più marcata ancora la superiorità tecnica dei sanniti che al
15° passano in vantaggio: azione orchestrata dalla coppia Castaldo-Vagnati con
il quest’ultimo che appena entrato in area di rigore mette in mezzo un pallone
al bacio che Clemente davvero non può sbagliare: è l’1-0 meritato per i sanniti
che vanno a festeggiare sotto il settore occupato dai 100 irriducibili
sostenitori sanniti giunti in Calabria per non far mancare l’incitamento alla
squadra. Passano pochi minuti ed il Benevento potrebbe chiudere definitivamente
la contesa, ma Castaldo involatosi verso la porta di Furlan, viene contratto al
momento del tiro non essendosi avveduto del ritorno di un difensore in maglia
biancoverde.

Gara che và avanti sempre sullo stesso spartito, e che sembra virtualmente
chiusa quando mancano 18 minuti al termine: per doppia ammonizione infatti viene
espulso uno dei 3 ex di turno in campo, Rosamilia. Sembra davvero tutto deciso,
quando però succede quello che nessuno si aspetta: Simonelli infatti è costretto
ad una sostituzione forzata, quando Castaldo in preda ai campi lascia spazio a
Ferraro che và a prendere il suo posto al centro della difesa al fianco di
Landaida. Trascorrono pochi minuti e l’ex giocatore del San Marino, scuola Inter,
commette il pata-trac, macchiandosi di un inutile fallo in piena area: è calcio
di rigore quando il cronometro segna minuto 39. Sul dischetto và Alessandrì
fratello dell’Alessandrì migrato per lidi laziali. Rincorsa e gol: 1-1 ed
esplosione di gioia da parte dei supporter biancoverdi. Sembra che la beffa si
sia ormai materializzata, ma questo Benevento riesce a non disunirsi e a trovare
la forza di riportarsi in vantaggio: minuto 41, cross dalla destra di Tufano,
colpo di testa di Cinelli appostato in piena area di rigore all’altezza del
dischetto, pallone indirizzato verso la porta calabrese quasi a colpo sicuro,
Furlan riesce a deviare d’istinto la sfera che ritorna sulla testa di Cinelli
che la virgola verso l’accorrente Gigi Castaldo che si coordina e al volo scossa
il diagonale vincente a mezza altezza che si insacca per il 2-1 definitivo.
Primo gol in maglia giallorossa per Gigi Castaldo che festeggia insieme ai suoi
compagni raggiungendo la torcida giallorossa: polemiche invece degli uomini di
Ammirata nei confronti del guardalinee reo di non aver fischiato una dubbia
posizione di fuorigioco ai danni di Clemente appostato nei pressi della linea di
porta nell’azione-“flipper” del vantaggio; ne fa le spese l’ex Maisto, che viene
espulso dalla panchina per proteste.

Considerazioni finali

Fischio finale con grande gioia e soddisfazione da parte dei giocatori e dello
staff tecnico giallorosso: soddisfazione da parte di Simonelli che ai microfoni
dichiara di aver visto delle buone trame di gioco da parte della sua squadra e
di essere contento del fatto che la squadra domenica dopo domenica stia
prendendo coscienza delle proprie indiscutibili qualità.

Domenica prossima 2° incontro interno, di scena al Santa Colomba, ci sarà la Val
di Sangro dell’ex Bruno, squadra rinnovata rispetto all’anno rivelazione di una
stagione fa, quando sfiorò i play off dopo un campionato vissuto sempre nelle
primissime posizioni.

Nella foto sopra i circa 100 tifosi del Benevento al D’Ippolito di Lamezia
Terme.