Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • L'Italiano nuovo

    Il protagonista di questo romanzo è l’italiano nuovo, quello dell’Italia che si sveglia dal suo sonno millenario. Il libro è un’immagine piena di ciò che era la nostra terra nel mattino della sua rinascita: una immagine di prorompente giovinezza.

  • La stanza dei libri strani

    Sono sempre convinto che l’espressione “ogni uomo è un libro” corrisponde ad una verità che se non è assoluta, ci manca poco dall’esserlo. E’ inteso che la frase può benissimo essere rivoltata e quindi ogni libro diventa un uomo. Uomini e libri si confrontano nel momento in cui essi entrano nel mondo.

  • Ora come allora?

    Cosa rappresentano 150 anni nella storia di un popolo che diventa stato dopo secoli di diversità e separazioni? Potrà diventare questo stesso popolo una nazione finalmente moderna?

  • Intelligenze scomode

    Può l’intelligenza essere scomoda? Una domanda alla quale non è facile rispondere. Bisogna, infatti, conoscere prima le risposte ad altre possibili domande che suscita questo interrogativo.

  • Stereotipi d'Italia

    L’identità di un popolo è costituita non solo da come gli abitanti di un paese riescono a condividere un progetto di vita in comune, ma anche da come questo stesso popolo è visto dagli altri.

  • Chi sono gli Italiani

    Chi sono gli Italiani? Un popolo, una nazione, una razza? Certamente uno Stato, almeno da 150 anni. Uniti comunque. Malgrado tutto: due guerre mondiali, una dittatura, una guerra civile e alcuni tentativi di dividerci.

  • Un romantico Risorgimento

    La storia d’Italia nella prima metà 19° secolo fu una storia di lotte per l’unità e per l’indipendenza. Le intenzioni si manifestavano in due parole di uso comune: Romanticismo e Risorgimento. Il tutto si realizzò negli anni che vanno tra il 1861 e il 1871.

  • Fratellanze inglesi e Unità d'Italia

    Lo sapevate che tra coloro i quali, intorno alla metà dell’ottocento, presero parte attiva in Inghilterra nel faticoso processo di unificazione dell’Italia va annoverato, anche se non direttamente, un gruppo di artisti e letterati, diventato poi famoso, il cui nome di “confraternita” fu scelto per le connessioni esotiche con i briganti e rivoluzionari italiani?

  • Il cervello: istruzioni per l'uso

    La lettura di questo libro mi ha portato indietro negli anni. A quando, ancora giovane, mi chiedevo cosa fosse veramente il cervello e come funzionasse. Me lo chiedevo a ragion veduta: per mantenermi all’estero a studiare la lingua inglese ero finito, come infermiere, in un ospedale mentale in Inghilterra, a nord di Londra.

  • L'Italia di Mazzini a Londra

    Molti attivisti politici italiani trovarono rifugio in Gran Bretagna tra gli anni che vanno dal 1820 al 1850, alla vigilia della formazione del Regno d’Italia. Il più famoso fu senza dubbio l’autore dei “Doveri dell’Uomo”.