Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Natale in lingua napoletana

    Ho scelto alcune poesie in vernacolo napoletano per celebrare la festa della Natività cercando di entrare in quello che è il vero spirito della rappresentazione del presepe, il tutto però visto in chiave umana nella sostanza e linguistica nella forma.

  • Tra minimalisti e logorroici

    Viviamo in un'epoca in cui la parola tende a manifestarsi in due opposte maniere: per sintesi e per logorrea. La prima trova la sua massima espressione nell'uso che ormai tutti facciamo del cellulare e dei brevi messaggi che ci scambiamo nelle 24 ore. Non solo messaggi brevi ma addirittura abbreviazioni degli stessi. Sia su Twitter che su Facebook la parola sembra restringersi sempre di più. Le idee si asciugano e gli approfondimenti svaniscono a favore di una maggiore vicinanza ed immediatezza tra chi decide di comunicare. Ma le cose stanno davvero così?

  • Il latino e l'inglese: due esempi di lingua franca

    Sebbene alcune lingue, come il basco o l'etrusco, si trovino in una posizione di completo isolamento, molte altre lingue, sulla base del loro lessico e della loro grammatica, possono essere classificate in "famiglie" all'interno del cui sistema è corretto identificare legami linguistici molto interessanti.

  • Il potere della parola

    "Un generale lancia l’ordine d’attacco gridando: «Fuoco!» e in pochi minuti non rimane più niente di quella che era una magnifica città. Egli non ha fatto niente, ha solo pronunciato una parola, ma che potenza era contenuta in quella parola! Oppure, un uomo – o una donna – che conta molto su voi, ma i cui veri sentimenti non conoscete ancora, vi dice o vi scrive un giorno queste semplici parole: «Ti amo», ed ecco improvvisamente la vostra vita illuminarsi!

  • Nella terra delle lingue inventate

    "Cu vi parolas Esperanton?" se siete in grado di rispondere "sì" vuol dire che fate parte di quelli che parlano l'Esperanto. Una lingua creata, sì avete letto bene, inventata dal dottor Ludwig Zamenhof in Polonia negli anni intorno al 1880. Quando decisi di cominciare lo studio delle lingue, ai miei tempi, cominciai anche ad interessarmi all'Esperanto perchè mi incuriosiva il fatto che ci potesse essere qualcuno tanto bravo da inventare una lingua che non si parlava da nessuna parte al mondo.

  • WEB 2.0 è la milionesima parola inglese

    Tutti sanno che la lingua inglese è una della lingue più flessibili al mondo. Ma non tutti sanno che questa flessibilità la rende anche una delle lingue più difficili da imparare, e sopratutto mantenere, sia da un punto di vista della forma che dei contenuti. "Flessibilità" è una parola affatto generica che in questo caso significa molte cose sia in termini linguistici che culturali. Si traduce, in effetti, in apertura, disponibilità, opportunità ai cambiamenti, alle trasformazioni, alla mobilità. In sintesi, alla piena accettazione di quelli che sono i principi della democrazia e della libertà. Il tutto sempre in termini sia linguistici che culturali. Ed in ultima istanza, anche politici. Il che non è poco.

  • I caratteri di Babele

    Se penso alle tante scritture che caratterizzano la storia dell'uomo per quanto riguarda la comunicazione mi viene da pensare che Babele sia davvero esistita. Quante sono state, infatti, le lingue degli uomini nel corso della sua storia? E quante sono, ancora oggi, le lingue in azione su questo nostro pianeta? Tante, tantissime, da non poter essere contate, conosciute e studiate. L'episodio biblico della Torre di Babele mi ha sempre affascinato nella sua immediatezza e semplicità, pur sempre avvolto nel mistero più assoluto.

  • Moderato sarà lei!

    Cosa sia il moderatismo, nessuno dei molti che vi si richiamano, indicandolo come la via maestra del benessere e del progresso, sembra in grado di spiegarlo. Non trattandosi di un metodo, né di un insieme precisabile di principi, il termine finisce con l'indicare nulla più che un punto intermedio su una scala relativa a ogni unità di misura possibile (la febbre, il vento, la magnitudo di un sisma, così come la passione politica) e applicabile a qualsivoglia contenuto. Versatile, indeterminato, pronto all'uso, come molti altri termini del lessico politico contemporaneo, a cominciare da «governabilità». Nel linguaggio corrente la forma avverbiale è frequentemente associata a un'idea di mediocrità, ad esempio nel caso in cui di qualcuno diciamo essere «moderatamente intelligente» o «moderatamente coraggioso», espressioni che non suonano certo come un apprezzamento e tutt'al più possono mettere in scena le modeste virtù di un minimo denominatore comune, di una condizione «alla portata di tutti».

  • Conoscete l’italianologia?

    Qualsiasi discorso sugli italiani – su chi siano, su come dovrebbero essere, su perché non ci riescano e, soprattutto, perché siano i primi a riconoscerlo, ma poi a non fare granché per divenire ciò che dicono di voler essere — è destinato a cadere nella retorica. La retorica è quella del «poveri ma belli»; «gaglioffi ma simpatici»; «cinici ma solo per delusione»; al fondo, comunque «bravi». Forse è vero, come scriveva Luigi Barzini, che per gli italiani «non c'è scampo». Ed è questa sensazione di essere in trappola entro i limiti inflessibili delle tendenze nazionali a far sì che la vita italiana, sotto la sua superficie scintillante e vivace, abbia una qualità fondamentale di «amarezza, disappunto, e infinita malinconia» [Barzini 1964, p. 21]. Davvero non c'è scampo?

  • Traduttore Traditore?

    Nel breve scritto sull'arte del tradurre e sull'intercessione dei santi, apparso contemporaneamente a Norimberga e a Wittenberg nel 1530 e comunemente noto come Lettera del tradurre, Lutero scende in campo contro i critici e i manipolatori del suo Nuovo Testamento, il cosiddetto «Septembertestament» («Testamento di Settembre») uscito nel settembre del 1522 e già nel dicembre ristampato con non minore fortuna. Nel tempo che va da quel fatidico anno fino al 1530 era stata tradotta e data alle stampe anche buona parte del Vecchio Testamento: il Pentateuco, i libri storici e poetici, qualche libro profetico; se poi si considera che la prima traduzione integrale della Bibbia viene conclusa nel 1534, un dato balza subito agli occhi: la Lettera del tradurre esce da un'officina in piena attività, nel mezzo di una prova impegnativa quale è la seconda revisione dei Salmi terminata nel 1531.