Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

« precedenti 10
  • L'elettronica in biblioteca

    L'informazione elettronica nella nuova biblioteca: scenari, modelli di accesso e partner per lo sviluppo. La transizione è in pieno svolgimento: dopo i primi anni di sperimentazione l'informazione elettronica si è diffusa rapidamente nelle università, nei centri di ricerca, nelle aziende, nel mondo della sanità e degli enti pubblici, negli studi professionali.

  • Bibliotime e Biblioteche

    Se gli obiettivi di un periodico sono quelli di contribuire all’informazione e di stimolare il dibattito sui temi che rivestono particolare interesse per i lettori, è allora ragionevole affermare che “Bibliotime”, a poco più di un anno di vita, li stia ormai raggiungendo in pieno: forse aiutata in ciò dalla dinamicità del mezzo, e forse anche perché il mondo bibliotecario italiano, sempre più immerso nell’informazione digitale, attinge con crescente naturalezza alla pluralità delle risorse elettroniche, fra le quali le riviste online rappresentano una fonte organizzata e significativa di notizie e di dati.

  • Sapete cosa sono i "palinsesti"?

    I palinsesti sono, nella maggior parte dei casi, manoscritti medievali vergati su fogli di pergamena di reimpiego, dalla quale è stata erasa o lavata via la scrittura. La pergamena era un materiale costoso, pertanto i libri vecchi venivano sacrificati. Comunque tracce della vecchia scrittura sono rimaste visibili in percentuali più o meno alte. Per secoli i segreti dei palinsesti hanno affascinato gli studiosi, per la loro importanza in vari campi del sapere. Nel XIX secolo furono i sussidi chimici a essere impiegati per decifrare i testi scomparsi. Spesso tuttavia l'uso delle sostanze chimiche ha prodotto danni irreversibili.

  • "La Biblioteca Digitale Italiana"

    Il Ministro Urbani e il Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie Lucio Stanca hanno presentato il Portale Internet Culturale realizzato nell'ambito del progetto "La Biblioteca Digitale Italiana ed il Network Turistico Culturale" della Direzione Generale per i Beni Librari e gli Istituti Culturali del Ministero per i Beni e le Attività Culturali . Un nuovo canale d'accesso ai cataloghi del Sistema Bibliotecario Nazionale e alle collezioni digitali degli istituti culturali italiani.

  • 2015: odissea nelle biblioteche mediche

    La diffusione di internet ha trasformato il modo in cui le biblioteche forniscono servizi informativi e ha creato delle alternative concrete al loro stesso utilizzo. Cosa succederà alle biblioteche mediche nei prossimi decenni? Cerca di prevederlo un lungo articolo apparso sul prestigioso New England Journal of Medicine. Oggi la maggior parte delle biblioteche mediche sono all’interno di ospedali o strutture accademiche. Il loro scopo primario è fornire informazioni per supportare trattamenti, educazione e ricerca portati avanti all’interno dei singoli istituti. Queste necessità sono destinate a durare nel tempo, e quindi andranno comunque soddisfatte: il problema è come, e dove?

  • La Biblioteca diventa Babelteka

    Da circa un anno e’ stato lanciato su web il Distributed Library Project (D.L.P.), un sistema di scambio librario realizzato in software libero che intende trasformare ogni cittadino-lettore in un bibliotecario della porta accanto. Il progetto, già operativo in diverse città del mondo, mira infatti a rendere pubbliche le biblioteche domestiche distribuite a milioni sul pianeta. Collegandosi al sito, chiunque può mettere a disposizione liberamente qualche opera della propria libreria. In questo modo, secondo i promotori del progetto, si potrà realizzare rapidamente una biblioteca pubblica di dimensioni babeliche. Il sogno che inseguono gli sviluppatori di D.L.P. è, insomma, quello di realizzare una grande rete libraria comunitaria, che renderà disponibili alle richieste di prestito i miliardi di libri che giacciono, spesso inutilizzati, negli scaffali delle abitazioni private. Il tutto, naturalmente, grazie alla capacità connettiva di Internet.

  • Leggere in biblioteca al tempo della rete

    Si comunica che da oggi è in linea il sito del convegno delle Stelline 2005 "LE TECHE DELLA LETTURA: leggere in biblioteca al tempo della rete" (Milano, 17-18 marzo) dove è possibile consultare il programma e trovare altre informazioni utili. Dal sito è possibile inoltre iscriversi compilando un'apposita scheda di adesione. A questo proposito si ricorda che la partecipazione al Convegno è gratuita, ma è necessario far pervenire la propria iscrizione anticipatamente (entro il 14 marzo). Vi aspettiamo, come sempre, numerosi.

  • The WWW Virtual Library

    La Virtual Library è il più antico catalogo del web fondato da Tim Berners-Lee che fu anche l’inventore del linguaggio html e del web stesso. Diversamente da altri cataloghi commerciali, questa biblioteca è gestita da volontari i quali compilano le pagine di links e sono specialisti nelle varie aree di competenza.

  • La biblioteca rinata dalle ceneri

    Otto milioni di volumi, sale interattive, sette istituti di ricerca, un planetario e strutture e materiali per disabili nella “nuova” biblioteca di Alessandria d’Egitto.

  • BIBLIOTECHE E FRUIZIONE PUBBLICA

    Per leggere i libri antichi, per non dire dei manoscritti, ci sono due modi: o si va in biblioteca o si comprano gli originali. Gli originali hanno oramai raggiunto prezzi stratosferici». «Rimangono le biblioteche, ma ci sono manoscritti così rari che li fanno vedere solo a uno che si chiami (o si chiamasse) Panofsky o Gombrich», «mentre ogni buona biblioteca può avere il facsimile».