Questo sito contribuisce alla audience di

Il Segreto dell'Universo

Fabrizio Coppola: "Il segreto dell'universo - Mente e materia nella scienza del terzo millennio" - Edizioni L'Età dell'Acquario, Settembre 2003. Questa è una delle poche volte che scrivo di un libro senza averlo tra le mani, voglio dire senza averlo girato tra le mani, sfogliato, aver sbirciato tra le pagine, averlo soppesato in tutti i suoi aspetti fisici prima che contenutistici. Il bibliofilo-bibliomane, si sa, ha un rapporto tattile con il libro, possessivo, prima che diventi psichico, psicologico, sentimentale, spirituale...

Se il testo fosse stato prodotto solo per la versione elettronica, allora l’incorporeità del prodotto avrebbe condizionato in maniera diversa il giudizio su di esso.

Ma questo libro, nato prima in rete e poi in carta, è entrato nel mercato del consumo e quindi cartaceo, dopo d’essere stato acquisito da un editore nei suoi diritti. Ne consegue che solo da ciò che riesco a reperire in rete posso dare un giudizio critico, dopo di essere stato invitato a segnalarlo in questo spazio.

Cap. 1 - Il contrasto tra scienza e religione

Cap. 2 - Breve storia della scienza

Cap. 3 - Le scoperte della fisica quantistica

Cap. 4 - Breve storia della filosofia antica

Cap. 5 - Breve storia della filosofia moderna

Cap. 6 - Filosofie orientali

Cap. 7 - Ipotesi sulla Realtà

Cap. 8 - L’universo oggettivato

Cap. 9 - Causalità, meccanicismo e libero arbitrio

Cap. 10 - La nuova concezione della realtà

Cap. 11 - Il segreto dell’universo

Cap. 12 - La rivoluzione prossima ventura

Dodici capitoli densi di contenuti che oscillano, come un pendolo impaziente, tra scienza, filosofia, religione, realtà, causalità, all’interno del mistero dell’universo, per circa 400 pagine che lasciano il lettore ancora più curioso di prima, inappagato per quanto l’autore gli ha detto e lui ha avuto modo di comprendere. Mi è oscura la ragione di una stesura esemplifica del testo, immagino sia dovuta alla necessità di una divulgazione allargata di certi argomenti di non facile comprensione.

Insomma un libro da avere tra le mani, da studiare, consultare ed aggiornare come si deve ragionevolmente fare con un testo di scienza, in un mondo in continua trasformazione. Per questa ragione ritengo che l’autore avrebbe dovuto lasciarlo circolare libero in rete. La scienza e la conoscenza non hanno prezzo, sono un bene di tutti!

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati