Questo sito contribuisce alla audience di

Libri gratis sul web, perchè?

Che senso ha avere sul computer un libro intero in formato Word? Non certo per leggerlo. La carta è più comoda, si può leggere sdraiati o in autobus. Allora che vantaggi ci sono ad avere un testo in un formato gestibile dal proprio computer? Intanto è un "onore" che possiamo rendere allo scrittore.

Pensate, per fare un esempio, alle “Storie” di Erodoto. Scritte 2400 anni fa in greco, furono copiate a mano per 2.000 anni. Solo molto dopo, numerose copie furono stampate a mano in tutte le lingue del mondo.

Oggi quel testo tutto intero, ridotto a file pesa meno di un foglio di carta.
Farla arrivare nelle mani di un altro è un attimo, ad un costo zero, mentre un tempo era un’azione che richiedeva mesi di lavoro a generazioni di monaci e copisti.

A parte l’”onore”, un testo in Word è molto di più di un semplice volume inerte da ribattere tutto a macchina, è il DNA puro, sono le parole già dattiloscritte. Ecco che a questo punto quelle parole si trasformano in deliziosi strumenti (anche se non avete mai pensato di usare il testo in questo modo) che sono a vostra disposizione per giocarci.
Con i capolavori si possono fare vari tipi di manipolazioni e analisi incrociate. Alcuni interventi possono essere oltremodo seri, altri estremamente divertenti.
C’è un gusto sottile a rendere attuale un racconto del Decamerone di Boccaccio o ad analizzare, aiutati dal computer, un testo come “Il Vangelo o “Le storie” di Erodoto.

Come si fa?
Si possono fare due tipi di operazioni diverse: le parodie e le analisi della frequenza delle parole.
Vediamo degli esempi.
Se si ha il file con “I promessi sposi” dentro la schermata di Word, basta usare il comando “modifica/sostituisci”.

Si sceglie: “trova” Renzo, e “sostituisci con” Renzo. Questa semplice operazione, sostituisci una parola con se stessa, ci indica la quantità di volte che è presente. Dopo averlo fatto anche con Lucia, finalmente si può sapere chi è il vero protagonista del romanzo…
Si può far trovare dal computer ogni punto del libro di Erotodo in cui si parla di “Sparta” e “spartani”, isolare e salvare questi brani e si avrà il giudizio di Erodoto su uno degli stati più potenti della Grecia.
Studiando le “occorrenze” delle parole si possono ottenere informazioni. (continua al link)

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati