Questo sito contribuisce alla audience di

Il viaggio di Alessandro: da Roma ad Hollywood

Da pochissimi giorni è arrivato nelle sale italiane l'attesissimo film di Oliver Stone "Alexander". Le gesta di Alessandro Magno, il più grande conquistatore di tutti i tempi, raccontate in un film che fa seguito ad altre produzioni hollywoodiane che hanno come protagonista la storia, quella che tutti conosciamo perché letta e studiata sui libri di scuola. Solo lo scorso anno uscì nelle sale "Troy", trasposizione cinematografica dell' Iliade di Omero. Alcuni anni prima Ridley Scott fu l'artefice di quello che alcuni già considerano un film mito: "Il Gladiatore". Il film, dopo tanti anni, riporta sullo schermo l'epoca dell'antica Roma che tanta fortuna ha avuto nei tempi passati al cinema anni cinquanta e sessanta del cinema americano.

 In quegli anni molte vicende accadute erano state infatti rappresentate in più di una pellicola di grande successo come ad esempio “La caduta dell’Impero Romano” (1964), kolossal spettacolare sugli ultimi anni dell’impero sotto i successori di Marco Aurelio; “Ben-Hur” (1959) in cui si assiste ad una bellissima scena di corsa delle quadrighe che vale da sola l’intero film; “Quo Vadiz?” (1951), nel quale Nerone infuria la persecuzione contro i cristiani; “Cleopatra” (1963), uno dei film più costosi della storia del cinema che racconta la tormentata storia d’amore tra la regina d’Egitto e Giulio Cesare. E l’elenco potrebbe ancora continuare perché i titolo sono veramente tanti… fino a quest’ultima produzione di “Alexander”, stroncata negli Usa ed ora pronta per il giudizio del pubblico italiano. Ma Oliver Stone, il regista, prende le distanze da Hollywood e presenta alla stampa romana il suo kolossal giustificando l’insuccesso negli States con queste parole: “La verità è che gli Americani sono molto più ignoranti degli Europei, questo è risaputo, non conoscono nemmeno la loro breve storia che pretendono di imparare dalle fiction”. Dopo questa dichiarazione speriamo quindi di non deludere le sue aspettative… (da: Unilibro.it newsletter)

Ultimi interventi

Vedi tutti