Questo sito contribuisce alla audience di

5. Liberatori e Liberisti

E’ falso il bipolarismo tra liberatori e liberisti ed esclude troppi e troppo.

Dall’altra parte, come accadde ai tempi del Maggio francese, i cosidetti moderati viaggiano in spaventoso ritardo; giudicano il mondo con le categorie arcaiche del comunismo e della Democrazia cristiana, o con quelle idiote del tatticismo partitico. Non hanno capito che dopo Napoleone Berlusconi la lotta politica non partirà da un principe ma da un principio, ovvero da un’idea che si è messa in moto. E quell’idea ruota intorno al 68 e alla necessità di rovesciarlo, come si rovescia un potere inacidito e sedimentato, un mix di fanatismo e nichilismo che produce una bestia strana, un centauro che si può definire solo con un ossimoro: intolleranza permissiva.

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati