Questo sito contribuisce alla audience di

Conoscete l'effetto "random"?

Una parola inglese ibrida, nel senso che dà un brivido come quello della vita. In italiano alcuni dicono “randomizzare”. In effetti tutta la nostra vita è sotto l'effetto "random": si nasce per caso, molti vivono a caso, si finisce per caso. E' il caso di dire: sappiamo tanto e tutto, senza sapere niente. A Napoli si dice, per aiutarsi a vivere: "faccimmece fessi!" Proprio così, è l'effetto "random" che ci fa "fessi". Il titolo del libro di cui sto per parlare “Perchè proprio a me?” pone una domanda alla quale solo l’effetto “random” può rispondere. L’autrice, comunque, risponde raccontandoci abilmente come nè è uscita viva ed anche perchè. Ma il suo iniziale “perchè a me”, resta inevaso.

“Come ho vinto la mia battaglia per la vita”, un saggio da leggere tutto d’un fiato. “‘Perché proprio a me?’ Quante volte mi sono sentito rivolgere, nella mia lunga vita di medico, questa domanda. Quante volte l’ho immaginata sorgere d’improvviso dentro la coscienza, come un potente colpo che ferisce l’anima; quante volte l’ho vista silenziosa, ma più penetrante di una voce urlata, brillare dentro agli occhi che hanno incrociato il mio volto.”

Così scrive Umberto Veronesi nella Prefazione a questo libro, in cui Melania Rizzoli racconta la sua personale battaglia contro il cancro da un duplice punto di vista: quello di medico che ha lungamente lavorato in un reparto oncologico, e quello di paziente affetta da un tumore del sangue. Forte di una profonda fiducia nei progressi della ricerca e di un innato ottimismo, dopo il fallimento delle terapie classiche Melania ha intrapreso la strada del trapianto di cellule staminali, che dà risultati impensabili fino a vent’anni fa e ha cambiato il destino di alcuni tipi di tumore maligno, una volta definiti “senza speranza”.

Certo che dopo di avere letto la presentazione editoriale di questo libro, si può fare a meno di leggere le belle pagine che l’autrice ha scritto per rispondere alla domanda che si pone, e che tutti noi ci poniamo, di fronte a quello che ci accade giorno per giorno. Anzi, si potrebbe fare addirittura di più: proporre la lettura del libro a chi ha letto un altro libro che si occupa dell’aldilà, di cui mi occuperò quanto prima: “Appunti per l’aldilà”. Tutto questo per dire che “l’aldilà” può attendere.

Ma, per dare una risposta ancora più pregnante e sensata alla domanda che pone questo libro, potremmo rispondere, laicamente, che le cose capitano, come capitano, a me, a te o a chiunque altro, soltanto perchè è l’effetto “random” al quale gli umani sono legati. Non è possibile dare una spiegazione o una ragione del “male” e del perchè lo stesso capita a me o a te che leggi. Tutto sta scritto nel disegno, divino o laico, dell’aldilà. Resta, comunque, da dare ragione della volontà di chi si trova ad affrontare la sfida e sa vincerla alla meglio. E’ il caso dell’autrice di questo libro che ne ha fatto una ragione, a buon ragione, appunto, per farlo conoscere anche agli altri. Un buon libro da leggere e consigliare per rimandare il più tardi possibile l’entrata nell’aldilà.

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati