Questo sito contribuisce alla audience di

La Biblioteca è un luogo ...

Questo è un libro non da leggere bensì da "vedere". Sfogliandolo lentamente, osservando le bellissime immagini di biblioteche private tenute da veri e raffinati collezionisti. Collezioni di libri e luoghi dedicati alla lettura che sono anche residenze piuttosto che semplici case. Posti dove regna lo spazio, il buon gusto, l'arte del vivere e del pensare e sopratutto del modo in cui i libri possono integrarsi nella vita di una famiglia, che non è solo casa, ma residenza, rifugio, biblioteca.

Sono luoghi nei quali i proprietari amano mostrare il loro amore per i libri, oggetti non tanto di collezione e di lettura, ma di entusiasmo che diventa passione. Ma il libro non parla solo di questo. Racconta anche di come i libri si conservano, si classificano, si consultano, si leggono e si cercano. Non mancano addirittura consigli su quali scale usare per accedere ai piani alti della biblioteca, lo stile, il colore , alla stessa maniera delle lampade da usare per propiziare e favorire il rito della lettura.

La vita dei proprietari di queste biblioteche ruota intorno all’acquisto dei libri, a come conservarli ed anche gestirli, cosa non sempre facile. E’ il caso ad esempio di Seymour Durst la cui casa di cinque piani a New York è una biblioteca interamente dedicata alla storia della città. Oppure quella di Paul Getty che possiede una collezione in un piccolo castello. Il traduttore Richard Howard e il biografo John Richardson vivono direttamente nelle biblioteche che hanno creato, come fa del resto anche il chitarrista dei Rolling Stones Keith Richards.

Sono tutti esempi di biblioteche private negli USA e non mancano delle vere e proprie originalità come quella del collezionista che ricopre tutti i suoi libri con carta color crema in modo da conciliare i libri col colore dei mobili. Oppure le biblioteche di personaggi come Bill Blass e David Hicks i quali ricoprono i libri della loro biblioteca di rosso, il colore del marchio delle loro aziende. E’ gente questa che prende davvero sul serio la loro mania bibliofiliaca. Ad esempio Mitchell Wolfson, che vive a Miami, un posto infelice per la vita dei libri, ha attrezzato sia la sua casa che la biblioteca in maniera da isolarla sterilizzando gli ambienti. Un libro questo che vale la pena avere tra le mani perchè in esso confluiscono diverse arti, tendenze e gusti.

Ogni sezione del libro viene presentata con una frase caratterizzante la passione per il collezionismo dei libri. In apertura troviamo questa: “Dispensary to the soul” - “Library inscription in Trajan’s forum, Rome” - “Farmacia dell’anima” Iscrizione sulla biblioteca nel foro di Traiano a Roma. Il Duca del Devonshire con orgoglio dichiara di essere “una mescolanza di due culture, quella dei libri e delle corse di cavalli”. E chi altro, se non un duca inglese, poteva dire una cosa del genere? Paul Getty, per parte sua, dice che “i libri, come il vino, devono essere tenuti a temperatura di ambiente, stabile”. Mitchell Wolfson afferma che lui i libri preferisce cercarli piuttosto che collezionarli. Renzo Mongiardino, il famoso stilista italiano, arredando l’appartamento in New York del defunto Peter Sharp, ha detto che la biblioteca è “un luogo fatto anche per sognare”. E lui costruì su commissione una biblioteca in stile rinascimentale in modo da far sognare il suo proprietario. Uno spazio questa biblioteca che, comunque, non è affatto un sogno se si pensa che al centro del salone c’è una immensa scrivania costruita su un disegno fatto niente di meno che da Michelangelo. Insomma “The library as Theater”, la biblioteca come teatro.

Ma la vera filosofia del collezionista sta in quanto dice Richard Minsky, fondatore del “Center for Book Arts” di New York. Egli dichiara: “Il messaggio non è “leggi” questo libro, bensì “vedi” questo libro”. David Hicks, decoratore e stilista di fama, dice di amare “progetti che non hanno mai fine, e una biblioteca è uno di questi”. In effetti il vero collezionista vede nei suoi libri, e quindi nella catena senza fine di questi, il filo che lo lega alla vita, non solo la sua, ma di tutti gli altri uomini. La stilista Joan Vass dichiara di avere sempre letto nella vasca da bagno sin da quando era piccola. E continua a farlo. Spera addirittura di annegarci dentro uno di questi giorni. Un sistema bellissimo per finire la vita. Il famoso professore di Cambridge Nicolas Barker dice che quando la gente gli chiede se colleziona libri, lui risponde che sono i libri a collezionare lui. La conclusione da tirare da questa lunga carrellata sui libri, sui loro collezionisti e sulle loro biblioteche non può essere che una: i libri che collezioniamo sono la nostra storia. Noi siamo ciò che leggiamo.

Paperback 256 Pages
Edition: New Ed
ISBN-10: 0500286116
ISBN-13: 9780500286111
Publisher: Thames & Hudson Ltd
Pub date: Apr 01, 2006
Dimensions: 30 cm x 23 cm

Ultimi interventi

Vedi tutti