Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

« precedenti 10 | prossimi 10 »
  • Le inevitabili sorprese del "Mondo Nuovo"

    «Nei prossimi 20 anni, grazie alla medicina rigenerativa, basata sulle cellule staminali, cureremo gran parte delle malattie, comprese quelle neurodegenerative, o le rallenteremo fino a renderle innocue per l’organismo. Ma soprattutto vivremo più a lungo, molto più di quello che si possa immaginare». Quanto a lungo? «Credo che i nostri figli vivranno anche un paio di secoli. Diventerà possibile frenare i processi di invecchiamento a livello cellulare, dei quali cominciamo già a conoscere i meccanismi, per rimanere giovani per un tempo lunghissimo. I primi esperimenti sono stati positivi».

  • Il mondo duemila anni fa: "Expositio totius mundi"

    Avere tra le mani un libretto del genere è come vivere e rivivivere indietro nel tempo, attraverso parole nuove perchè antiche, eppure diverse e moderne, perchè esprimono pensieri che ormai appartengono al tempo assoluto e a chi in quei tempi visse visitando quei luoghi che oggi ci sopravvivono ma che appartennero ad altri.

  • “Se l’inverno è qui, può la primavera essere lontana?”

    Così si chiedeva il poeta inglese Percy Bysshe Shelley nella sua famosa poesia “Ode al vento d’Occidente”. Possiamo ben sperare da un interrogativo del genere, tipico esempio di pensiero positivo, perché sappiamo che, per quanto duro, lungo e sofferto possa essere un inverno (e quello appena trascorso lo è stato davvero!), è comunque destinato a finire e a dare spazio alla primavera. Una speranza certa, quindi, che aiuta gli esseri umani a continuare a vivere. Possiamo di nuovo seminare per crescere e rigenerarci. Senza semina non c’è vita, e saremmo tutti inevitabilmente destinati a morire.

  • E Palladio inventò la villa

    Fu Palladio il vero inventore della villa moderna, colui che riuscì ad armonizzare esigenze funzionali, strutturali ed estetiche, tanto che i suoi modelli, da lui spiegati nel Trattato di architettura del 1570, sono stati imitati e riproposti per secoli nel Veneto. Dalle ville palladiane a quelle regie del Settecento, dai villini liberty fino alle recenti riletture di Carlo Scarpa, la mostra vicentina permette appunto di compiere un affascinante viaggio in questo passato grazie alle centinaia di opere d'arte esposte, provenienti da più di cinquanta musei di tutto il mondo: dipinti di Veronese, Tiziano, Guercino, Jacopo Bassano, disegni di Raffaello, Giulio Romano, Peruzzi, Canaletto, Tiepolo e Palladio, ma anche mosaici e affreschi romani, manoscritti medievali e rinascimentali, incisioni, mappe e libri rari, modelli architettonici originali o eseguiti appositamente per la mostra descrivono perfettamente la struttura e la filosofia della villa veneta. A Vicenza, una mostra sull'architettura neoclassica. Un fenomeno artistico esportato in tutto il mondo, capace di influenzare anche le dimore coloniche degli Stati Uniti e della stessa Casa Bianca.

  • Quando è nato il primo fumetto?

    La domanda che sorge spontanea ogni volta che si affronta la storia del fumetto è: quando è nato il primo fumetto? Per rispondere, anche approssimativamente, a una domanda del genere (è un po' come chiedere quand'è nato il primo racconto illustrato o il primo graffito murale), bisognerebbe mettersi d'accordo su un piccolo dettaglio: cos'è un fumetto? Il termine italiano "fumetto" è un po' fuorviante perché si riferisce solo a un elemento particolare di questo linguaggio: le nuvolette dei dialoghi. Di questo artificio grafico si può anche tracciare la storia, che va dalle scritte accanto alle figure dei vasi greci ai "papiri" di parole dei quadri medievali, e infine ai "palloncini" (o balloons) delle vignette inglesi del Settecento.

  • Il futuro del libro

    Davvero il libro, cosi’ come e’ fatto oggi, e come e’ stato dalle sue origini, rimaste piu’ o meno immutate, e’ destinato a cambiare non solo la faccia ma anche il modo con il quale trasmette i suoi contenuti? La diffusione degli e-book, delle piattaforme di linkaggi integrati e di tutti gli altri sistemi prossimi futuri sembrano essere soltanto dei preavvisi sulle grandi trasformazioni in atto nel mondo della comunicazione e dell’editoria in particolare. Il brano che qui di seguito vi proponiamo parla, appunto, di “pillole-libri” uno dei tanti modi nei quali grandi scrittori si sono cimentati nel prevedere il futuro del libro. Sabastiano Vassalli, nel suo romanzo “3012” uscito da Einaudi nel 1995, ne da’ una descrizione che merita di essere fatta conoscere e che non ha nulla di utopistico, a ben vedere

  • L'ITALIA DEL '700 NEL GRAND TOUR DI THOMAS JONES

    Pubblicata da electa la prima traduzione italiana del 'diario' Thomas Jones o il disagio della modernita'. La figura del grande paesaggista inglese (1742-1803) viene riproposta nella prima traduzione italiana commentata del suo celebre 'Diario' del Grand Tour, pubblicato da Electa e che sara' presentato domani a Roma dalla curatrice Anna Ottani Cavina e dal soprintendente Claudio Strinati. L'opera, intitolata 'Viaggio d'artista nell'Italia del '700. Il Diario di Thomas Jones' puo' a ragione essere considerata una vera e propria monografia dell'artista ed affianca al testo ironico ed elegante, ben lontano dai reportage tradizionali del viaggio in Italia, anche un'ottantina di riproduzioni dei dipinti, egualmente non convenzionali, che il pittore realizzo' durante le permanenze a Roma e a Napoli.

  • I 40 anni della MINIGONNA

    Via i cappotti, via i maglioni, via i guanti e i pantaloni pesanti...un benvenuto alle t-shirt, ai pantaloncini e alle gonne corte... ed è proprio delle gonne corte che vi vogliamo parlare...le cosiddette minigonne ! La prima ad indossarne una fu la top model diciasettenne Twiggy nel lontano 1964. Mary Quant, la stilista inglese considerata la madre della minigonna, diceva che "Le vere creatrici della mini sono le ragazze, le stesse che si vedono per la strada".

  • Censura in Internet: ricordiamoci del 10 settembre

    di Julien Pain * L'esplosione di episodi di terrorismo ha sconvolto l'ordine mondiale ed ha avuto delle ripercussioni dirette sul mondo di Internet. Per tentare di proteggere i loro cittadini, le democrazie hanno a poco a poco limitato le libertà individuali. Così, anche in paesi abitualmente rispettosi della libertà di espressione negli ultimi tre anni si sono rapidamente sviluppate una serie di leggi liberticide, come quelle che consentono di mettere sotto sorveglianza le comunicazioni elettroniche o di censurare i siti.

  • L'Inquisizione

    Il volume “L’Inquisizione” è stato presentato nei giorni scorsi durante una conferenza presso la sala stampa vaticana. Sono intervenuti i cardinali Roger Etchegaray, già presidente del comitato per il giubileo del 2ooo; Jean-Louis Tauran, archivista e bibliotecario di Santa Romana Chiesa; Georges Cottier, pro-teologo della Casa Pontificia; ed il prof. Agostino Borromeo, curatore del volume,secondo il quale “vi è motivo di sperare che la sua pubblicazione rilancerà il dibattito intellettuale sull’argomento e stimolerà nuove ricerche”.