Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Innocenti evasioni: scrivere in carcere

    L'ultimo numero di quella straordinaria rivista mensile che è "Letture" propone in apertura di numero una documentata inchiesta dedicata a quella che viene definita l'innocente "evasione" di leggere e scrivere in carcere. La lettura e la scrittura come terapia, formazione e informazione, ma sopratutto come "tentazione" di scoprire se stessi, ricostruendosi la propria identità, esplorando orizzonti imprevisti e imprevedibili, prima, stando dentro il mondo, e confrontandosi, ora, dentro le sbarre con l'altra realtà del proprio essere. Leggere e scrivere diventano azione di recupero, rinascita, rigenerazione e scoperta.