Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Il Web 2.0 e la salamandra del sesso

    Che quello del sesso sia un mestiere antico lo sanno tutti. La più vecchia professione del mondo che si rinnova e si ritrova con nuovi mezzi e sistemi di diffusione. Oggi la "comunicazione del sesso" è una gigantesca corporazione commerciale su scala mondiale. Sempre, comunque, con il medesimo obbiettivo: raccogliere soldi sfruttando il corpo umano, sia maschile che femminile. Un argomento delicato questo perchè coinvolge i settori di tutte le società ed ogni cultura.

  • WEB 2.0 è la milionesima parola inglese

    Tutti sanno che la lingua inglese è una della lingue più flessibili al mondo. Ma non tutti sanno che questa flessibilità la rende anche una delle lingue più difficili da imparare, e sopratutto mantenere, sia da un punto di vista della forma che dei contenuti. "Flessibilità" è una parola affatto generica che in questo caso significa molte cose sia in termini linguistici che culturali. Si traduce, in effetti, in apertura, disponibilità, opportunità ai cambiamenti, alle trasformazioni, alla mobilità. In sintesi, alla piena accettazione di quelli che sono i principi della democrazia e della libertà. Il tutto sempre in termini sia linguistici che culturali. Ed in ultima istanza, anche politici. Il che non è poco.

  • Bibliopensieri digitali

    Ogni uomo cerca un sistema, un metodo, un modo per inquadrare le ore, i giorni, i mesi e gli anni della sua esistenza, C'è chi scrive il diario, chi segue gli almanacchi, chi trascrive tutto nella sua agenda, elettronica o cartacea che sia. Con l'avvento del web 2.0, che come si sa invita alla partecipazione ed alla condivisione con chi vuole navigare nella rete della vita virtuale, si sono diffuse diverse forme di spazi o aree virtuali disponibili online ed accessibili ovunque.

  • Gli "eroi" del Web 2.0

    Anche se il titolo di questo recente libro non mi piace molto, perché suona retorico quell' "eroi" riferito ai 20 prescelti innovatori della Rete, è un libro che va assolutamente letto e studiato in quanto di grande attualità. Può fare da catalizzatore di idee ed intenzioni, anticipare tendenze e dare previsioni su quello che sarà il prossimo futuro della nostra attuale civiltà telematica. I nomi degli innovatori, o presunti tali, sono operatori del "social networking", quella generazione di informatici che pensa alla Rete non più come ad un semplice strumento di conservazione di dati e distributore di informazione, qual'è stato il Web fino ad ora.