Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

« precedenti 10
  • La Biblioteca Universitaria di Gand

    La biblioteca universitaria di Gand domina il vasto Ladeuzeplein, sistemato a giardini. Si tratta di un grande edificio in stile neorinascimentale fiammingo, eretto con fondi americani dall’architetto americano Whitney Warren nel 1921-28 e ricostruita dopo la seconda guerra mondiale. La collezione della Biblioteca dell’Università è una delle più importanti del Belgio, seconda solo alla Biblioteca Reale. Poiché risale ai tempi delle confische perpetrate ai danni di chiese, abbazie e conventi, le sue collezioni raccolgono un’infinità di testi religiosi, di storia della Chiesa, di commenti alla Bibbia etc… Il suo patrimonio è famoso però anche per i tesori della Riforma e Controriforma, nonché per i titoli di letteratura classica, greca e latina che raccoglie. Ha poi sezioni dedicate alla storia, all’architettura, alle scienze (Jan Yperman, Dodoens, Stevin), alla pratica legale e a lavori di storia come cronache, pamphlets (Mercator, Ortelius, Blaeu). Non mancano sezioni che raccolgono epistolari, almanacchi e calendari; periodici, papiri, manoscritti, efemeridi e disegni. Una sezione speciale è dedicata alla città di Gand.

  • Biblioteche in Belgio: l'Abbazia di Maredsous

    In un bel sito boscoso sorge l’Abbazia di Maredsous, fondata nel 1872 con annessa la Scuola d’Arte e una ricca Biblioteca, fondata in concomitanza con l’abbazia. All’inizio, trovò la sua collocazione in una sala con galleria superiore, ma ben presto lo spazio risultò insufficiente e nel 1947 l’intera biblioteca fu trasferita in un edificio apposito.

  • Biblioteca Anton Ludovico Antinori

    La Biblioteca della Deputazione di Storia Patria negli Abruzzi, intitolata al polistore abruzzese Antinori (1704-1778) corrispondente del Muratori, è nata contemporaneamente alla Deputazione stessa (1888), raccogliendo subito le numerose pubblicazioni di cui la Istituzione storica veniva in possesso per singole donazioni, acquisizioni dirette e recensioni sul proprio periodico.

  • Sistema Bibliotecario del Politecnico di Torino

    Il Sistema Bibliotecario del Politecnico di Torino, come centro di servizio per le biblioteche, coordina tutte le raccolte di materiale librario e documentale, strutturate in Biblioteche Centrali di Ateneo, Biblioteche di Area e Fondi librari e documentali di ateneo, e le risorse bibliografiche in formato elettronico. La suddivisione delle Biblioteche di area rispecchia una ripartizione in aree culturali e scientifiche.

  • La Biblioteca Ambrosiana

    La grande Biblioteca lombarda fu fondata dal cardinale Federico Borromeo e fu una delle prime che per il gesto di un illustre mecenate venisse aperta alla pubblica lettura (1609). Fu concepita dal fondatore come un centro di studio e di cultura: volle infatti che vi fiorissero a lato altre istituzioni come il Collegio dei Dottori, l’Accademia di Belle Arti e la Pinacoteca.

  • Quando il cosmo ha forma di lettera

    Reggio Emilia: fogli e libri dal Medioevo al XX secolo ai Chiostri di San Domenico.

  • I progetti della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze

    La BNCF è stata ed è tuttora impegnata in diversi progetti di ricerca e sviluppo. Si tratta di progetti internazionali sia di progetti europei finanziati congiuntamente al 50% dell’unione Europea e dal Ministero. Altri progetti di ambito nazionale sono finanziati interamente dall’Ufficio Centrale per i Beni librari e dal gioco del lotto.