Questo sito contribuisce alla audience di

Women Writers Project

Una vera biblioteca online dedicata solo alle scrittrici.

Tra i grandi archivi testuali in area anglosassone possiamo ancora ricordare lo Women Writers Project, sviluppato presso la Brown University, che raccoglie testi della letteratura femminile inglese dal Trecento all’epoca vittoriana, interamente in formato TEI. Il WWP è dotato di un sistema di archiviazione e accesso ai documenti molto avanzato. Esso si basa su un sistema di archiviazione, gestione e ricerca di basi dati documentali in formato SGML, in grado di generare in modo dinamico file HTML. Questa traduzione dinamica è imposta dall’architettura del Web, e in un certo senso determina una perdita di informazione, che però viene sopperita dalla disponibilità di strumenti di ricerca avanzati che agiscono dal lato server, e che dunque possono sfruttare tutti i vantaggi offerti dai documenti strutturati. Grazie a quest’architettura soggiacente, il WWP fornisce un’interfaccia molto avanzata di ricerca sia sui metadati sia sul contenuto dei documenti. L’utente non solo è in grado di scorrere il testo e di fare ricerche per termini, ma dispone di un vero e proprio ambiente di lavoro virtuale, con strumenti di ricerca contestuale.
Una volta effettuata la ricerca, si ottiene un elenco attivo di concordanze in modalità KWIC (key word in context), che permettono a loro volta di accedere ai singoli testi del corpus che contengono occorrenze dei termini ricercati. Il sistema di biblioteca digitale del WWP mostra anche le possibilità aperte dalle funzionalità ipertestuali dell’ambiente Web. Ogni testo base è inserito in una rete di materiali contestuali di carattere saggistico e didattico. Naturalmente la centralità di un determinato documento è dinamica, e dunque un utente può decidere di adottare un proprio punto di vista circa il centro e la periferia della rete di relazioni. Questo ovviamente richiede una progettazione adeguata dei rapporti intertestuali che sottostanno alle possibilità di lettura, e soprattutto richiede di avere a disposizione un sistema ipertestuale evoluto che consenta la creazione di collegamenti multidirezionali e di collegamenti categorizzati.

SGML: Standard Generalized Markup Language. Un potente metalinguaggio per la codifica dichiarativa dei testi.
HTML: Hyper Text Markup Language. Il linguaggio con il quale si codificano i documenti che costituiscono il WWW.

Link correlati